17 agosto 2017

Quanto vale la reputazione di un Paese

di Daniela Zanuso

Probabilmente penserete che è una cosa un po’ futile analizzare la reputazione di un Paese. Ma non è esattamente così. Le nazioni che godono di una buona reputazione attraggono maggiori investimenti esteri, accrescono le esportazioni,  attirano i migliori talenti sul mercato. 

Intervista a Samantha Cristoforetti, la donna dei record

Intervista a cura di Claudio Pollastri

Samantha Cristoforetti, ingegnere, aviatrice, astronauta, prima donna italiana negli equipaggi dell’Agenzia Spaziale Europea e, da pochi mesi, anche mamma.

Diventare mamma le ha fatto toccare il cielo con un  dito? Mille volte di più che quando ero veramente in cielo con l’astronave.

Unbelievable … ovvero Damien Hirst a Venezia

di Daniela Annaro

 

La verità giace da qualche parte tra le bugie e il vero“. Una gigantesca messa in scena, uno spettacolo tra mitologia e miti del presente, un affascinante gioco di citazioni tra arte classica e artisti contemporanei.

Moana Pozzi, Ilona Staller e la loro discussa eredità

di Fabrizio Annaro e di Enzo Biffi

Ci siamo dimenticati di tante cose e così i giovani e giovanissimi del nostro bel paese si sono persi (è noto: a scuola non si studiano le vicende presenti e tanto meno quelle recenti) un pezzo di storia che farà sicuramente incuriosire storici e politologi delle prossime generazioni.

In moto contro Basquiat

di Enzo Biffi

Quella mattina di prima primavera di qualche anno fa, la buona scusa per un giro in moto me la fornì il Museo d’arte contemporanea di Lugano con una mostra retrospettiva di Jean-Michel Basquiat.

Non essendo propriamente un’artista a me gradito, più che l’idea della mostra mi allettava  la suggestione del percorso

Il cancro mi ha svegliata

Intervista a cura di Barbara Apicella

La storia di Donatella: “Il cancro mi ha svegliata, era giunta l’ora di mettere da parte il lavoro e di pensare alla mia vita e al prossimo”

“Sentivo che mi stavo consumando e che mi stavo ammalando. È strano da spiegare, mi auguravo che mi succedesse qualcosa così che potessi rimanere a casa,

Africa parlatene! L’appello di Padre Zanotelli

Alex Zanotelli

di Alex Zanotelli *

Scusatemi se mi rivolgo a voi in questa torrida estate, ma è la crescente sofferenza dei più poveri ed emarginati che mi spinge a farlo. Per questo come missionario uso la penna (anch’io appartengo alla vostra categoria) per far sentire il loro grido, un grido che trova sempre meno spazio nei mass-media italiani.