9 novembre 1938 – La notte dei cristalli

vetri-rottiA seguito dell’omicidio di un diplomatico nazista a Parigi, da parte di un diciassettenne ebreo che voleva vendicare la deportazione dei genitori, nella notte tra il 9 e il 10 novembre 1938, si scatenò in Germania, in Austria e Cecoslovacchia, un’ondata di violenza inaudita contro gli ebrei. Le SA e le SS con l’appoggio della Gioventù hitleriana, infrangono le vetrate di negozi, distruggono sinagoghe e abitazioni di ebrei (da qui il nome “notte dei cristalli”).

Non si conosce bene il numero delle vittime, si parla di un centinaio, ma numerosi furono anche i suicidi e oltre 25.000 ebrei furono deportati  nei campi di concentramento. Dal giorno successivo inizieranno ad essere emanati una serie di pesanti decreti antiebraici, che li esclusero dalla vita sociale, economica e culturale. Le loro aziende furono espropriate o chiuse.

La polizia non intervenne,  e nessuno tra gli assassini, i vandali e gli incendiari venne processato. Fu una svolta decisiva nella politica nazista dell’antisemitismo, l’evento che segnò una specie di “inaugurazione” della Shoah.

Daniela Zanuso

One thought on “9 novembre 1938 – La notte dei cristalli

  1. Pingback: Profughi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code