Agenzia Bonetti (e Bruno) – Investigazioni Bologna

  •  
  •  
  •  

VS- Agenzia Bonetti (e Bruno) investigazioni BolognaWalther Bonetti è un uomo sereno, ha aperto da poco un’agenzia di investigazioni private nella sua città, Bologna, e il lavoro comincia a ingranare, divide la sua vita fra gli incarichi e la famiglia, composta dalla moglie, Chiara, e dalla piccola Simona.

La sua routine si stravolge nel momento in cui irrompe nella sua vita Petronio, un fratello nato da una precedente relazione della madre e dato subito in adozione, che Walther non sapeva di avere. L’uomo è affetto da schizofrenia, ha manie autolesioniste e vive da tempo in strada, tuttavia è innocuo, simpatico, intelligente e anche vulnerabile e bisognoso di affetto, Walther gli vuol bene da subito e lo accoglie in famiglia, malgrado le esitazioni di Chiara. Inoltre, scopre che suo fratello ha un capacità innata nel condurre pedinamenti e investigazioni, quindi si lascia affiancare nel lavoro, al quale Petronio fornisce un contributo importante. Ma resta pur sempre una mina vagante, e Walther ne è pienamente consapevole, tuttavia non può immaginare quanto.

La situazione si complica quando Petronio incontra in agenzia Angela, una ragazzina accompagnata dal fratellino, Vito, entrambi si nascondono dal socio in affari del loro padre, un piccolo spacciatore che ha problemi con i pezzi più grossi a causa di una partita di droga tagliata male, che vuole usare i ragazzi come merce di scambio per risolvere i suoi problemi.

Petronio si identifica nei ragazzini, e rivive attraverso loro tutto il dolore della solitudine e dell’abbandono che ha provato nell’infanzia, quindi, tenendo Walther all’oscuro di tutto, si impegna ad aiutarli, pur sapendo che l’unica mossa giusta sarebbe quella di rivolgersi alle forze dell’ordine.

Inizia così un’indagine che presto si tramuta in una caccia all’uomo, in un sottobosco urbano composto dai personaggi più disparati e disperati, nel quale Petronio si muove a proprio agio accompagnato dal suo nuovo amico, il cane zoppo Epitteto, sfidando la malavita, in una corsa contro il tempo per salvare Angela e Vito che mette a dura prova il suo già precario equilibrio mentale.

Ma Petronio, a modo suo, è un duro, e riuscirà a venire a capo di tutto, scoprendo anche più di quello che avrebbe voluto sapere.

Roberto Carboni, bolognese, docente di scrittura creativa e scrittore giunto al suo ottavo romanzo, propone una storia nello stile del moderno giallo italiano, nel quale gli investigatori duri e tormentati caratteristici delle detective story sul modello americano hanno lasciato il posto ad uomini che esercitano l’eroismo affrontando i mille piccoli problemi della vita quotidiana, e che si preoccupano di più delle bollette e dell’affitto da pagare che di far colpo su qualche dark lady. Walther Bonetti rappresenta una figura positiva, equilibrata, alla quale si contrappone quella di Petronio, geniale e folle, commuovente nella sua umanità, divertente nelle sue bizzarrie sensate.

L’autore li ha inseriti abilmente all’interno di un intreccio ben costruito, raccontato ai lettori in modo chiaro usando una scrittura scorrevole, creando un romanzo godibile in cui nulla è scontato, tanto meno il finale.

 

Valeria Savio

One thought on “Agenzia Bonetti (e Bruno) – Investigazioni Bologna

  1. Lo leggerò certamente con piacere! Il romanzo si svolge nella mia amata città. Oltretutto il nome Walther Bonetti mi ricorda il padre di un mio amico d’infanzia del quartiere Santa Viola, omonimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code