Bambini del Sahrawi ospiti del Comune di Monza

sahrawiAnche quest’anno il Comune di Monza, nell’ambito dei progetti di cooperazione internazionale, ospiterà dal 9 al 24 agosto 10 bambini del Sahrawi provenienti dai campi profughi allestiti nel 1975 nei pressi della città di Tindouf, in Algeria, in seguito alla dura contesa tra Marocco e la popolazione che un tempo risiedeva nel territorio del Sahara Occidentale.
I bambini alloggeranno nell’ostello dei Frati Minori di via Montecassino e durante la loro permanenza avranno la possibilità di trascorrere serenamente alcuni giorni lontano dai luoghi nei quali sono ancora costretti a vivere insieme alle loro famiglie. Di età tra gli 8 e i 12 anni, durante il loro soggiorno verranno anche sottoposti a un controllo medico, che permetterà di valutare lo stato di salute ed effettuare eventuali cure e vaccinazioni.
Dal 18 al 22 agosto parteciperanno anche alle attività organizzate presso il centro estivo di Cascina San Fedele, nel Parco di Monza. Verranno inoltre promosse attività ludico-ricreative grazie alla partecipazione di alcuni operatori educativi e di un buon numero di volontari, appartenenti anche ad alcune associazioni del territorio (Africa ‘70, Croce Rossa Italiana Monza, Scout Agesci Monza 1 e 4, Ti do una mano Onlus).
Il 21 agosto, in mattinata, saranno accolti in Comune per un saluto da parte del vice sindaco e assessore alle Politiche sociali, Cherubina Bertola.
Alcuni esercizi commerciali ed enti assistenziali monzesi hanno garantito il sostegno al progetto offrendo beni e servizi. Tra questi hanno sinora aderito Iper Monza, Pizzeria Sale e Pepe, Ristorante Pizzeria “del Centro”, Banco Alimentare, Lavanderia Casa Circondariale.
“Grazie alla permanenza nel nostro Paese – commenta Bertola – i bambini avranno la possibilità di trascorrere le vacanze estive lontano dai campi profughi. Quella del popolo Sahrawi è un’ingiustizia che prosegue da troppo tempo, a cui le autorità internazionali e gli stati coinvolti devono finalmente dare soluzione. Siamo davvero felici di poter offrire ai bambini opportunità di svago e relazioni che possono essere utili per il loro futuro. Voglio ringraziare a nome della città le associazioni e le realtà commerciali che sostengono fattivamente il progetto di ospitalità”.
L’iniziativa monzese si inserisce nel più ampio progetto nazionale e regionale nell’ambito del quale i soggetti aderenti al coordinamento degli enti e delle associazioni di solidarietà al popolo Saharwi si fanno carico di organizzare la permanenza sui loro territori per periodi di almeno 15 giorni.

Ufficio Stampa
Comune di Monza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code