Bob Marley: il re del reggae giamaicano

bob marleydi Francesca Radaelli

Il 6 febbraio 1945 nasce in Giamaica, a Nine Mile, Robert Nesta Marley, detto Bob, simbolo della musica reggae in tutto il mondo. Oggi avrebbe settant’anni. Il padre è britannico, la madre giamaicana, Bob cresce nel ghetto di Trenchtown. A 15 anni stringe amicizia con Neville O’Riley Livingston, detto “Bunny”, che gli trasmette la passione per la musica e il canto. Con lui e Peter Tosh fonda nel 1963 il gruppo The Wailers (I Piagnoni), di cui è cantante e chitarrista, e l’autore della maggior parte dei testi. Nel frattempo Bob aderisce al movimento rastafariano, una vera e propria religione nata in Etiopia dal cristianesimo, e comincia a sfoggiare i suoi caratteristici dreadlock. Il primo album dei Wailers, Catch a Fire, viene pubblicato nel 1973, seguito l’anno dopo da Burnin’, che contiene le celebri Get Up, Stand Up e I Shot the Sheriff.
bob marley concert_palace7
Nel 1975, dopo lo scioglimento dei Weilers esce il primo singolo di Bob Marley,  No Woman, No Cry, seguito dal successo dell’album Rastaman Vibration. Grazie a Bob i ritmi del reggae giamaicano si diffondono in tutto il mondo, le sue canzoni parlano delle lotte dei poveri e degli emarginati, rendendolo un simbolo per molte popolazioni dei Caraibi e dell’Africa. Nel 1976 Bob rimane ferito, per fortuna non gravemente, in un attentato a Kingston, in Giamaica. Nel Paese è in corso una campagna elettorale molto violenta, è stato dichiarato lo stato di emergenza e le motivazioni dell’attentato sono probabilmente politiche.

bob marley calcio

Tra le passioni di Bob Marley ci fu anche il calcio!

Bob Marley si trasferisce poco dopo in Inghilterra, dove registra gli album Exodus e Kaya, suonando in concerto un po’ in tutto il mondo. Nel 1977 inizia il periodo della malattia: un melanoma all’alluce che si diffonde progressivamente in tutto il corpo, costringendolo a tagliare i dreadlock che erano diventati troppo pesanti. Morto a Miami la mattina dell’11 maggio 1981, viene sepolto in una cappella eretta accanto alla sua casa natale a Nine Mile. Insieme al lui, la sua chitarra Gibson Les Paul “Solid Body”, il suo pallone da calcio, una pianta di marijuana e i suoi semi, un anello che indossava ogni giorno, donatogli dal principe etiope Asfa Wossen e una Bibbia.

 

Una versione live di Jamming (‘Improvvisando’), uno dei cavalli di battaglia di Bob nei suoi concerti:

Oggi accadde anche:

Padre David Maria Turoldo, il cantore di Dio

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code