Brianza Rock Festival dona 10 mila euro a Progetto SLAncio.

concerto rho1

Gli organizzatori di Brianza Rock Festival hanno consegnato a Roberto Mauri, direttore della Cooperativa La Meridiana e del Centro SLAncio, un assegno di 10 mila euro che servirà a coprire i costi dell’ambulatorio di Musicoterapia del Centro di viale Cesare Battisti.

La consegna è avvenuta domenica sera a Rho durante il concerto in cui due band musicali, THE ELEMENTS e SECONDCHANCE, si sono esibiti in favore di Progetto SLAncio. “Sono rimasto favorevolmente stupito – ha commentato Roberto Mauri – da come tanti giovani hanno mostrato interesse a capire cosa sia SLAncio. E’ davvero bello ed incoraggiante sapere che Brianza Rock Festival ha suscitato un vasto consenso durante la raccolta fondi per SLAncio ed è riuscito ad ottenere una cifra che offrirà un valido aiuto alla vita dei 71 malati di SLA, delle persone in Stato Vegetativo e dei ricoverati nel reparto Hospice della nostra struttura. L’impegno che i giovani hanno dimostrato va al di là dell’entità della cifra, che comunque è una somma considerevole ed importante. Ringraziamo di cuore tutti gli aderenti a Brianza Rock Festival i quali oltre ad aiutarci hanno dimostrato quanto sia utile – ha concluso il direttore di SLAncio – la collaborazione fra enti no profit, enti che molto spesso condividono valori ed hanno comuni finalità.”

Mauririceve assegno2

L’ambulatorio di Musicoterapia del Centro SLAncio porterà il nome del Brianza Rock Festival a testimonianza del ringraziamento e della proficua collaborazione fra SLAncio ed i musicisti della Brianza. “Oltre alla Associazione Monza Brianza Eventi, rappresentata da Roberto Masi, che promuove il Brianza Rock Festival, – si legge in un comunicato di SLAncio –  ringraziamo tutti gli amici che hanno sostenuto il Progetto Slancio. Un particolare ringraziamento a Cristina Baroni e Laura Elefante.”

concerto rho1

Ai ringraziamenti si è associato Luigi Picheca, malato di SLA, testimonial del Progetto SLAncio e redattore de Il Dialogo di Monza,  il quale ha inviato il seguente messaggio: “desidero ringraziare a nome dei 70 malati che sono ospiti della struttura “Progetto SLAncio” e mio personale, a Cristina, Laura e Roberto che sono riusciti ad organizzare l’evento del “BRIANZA ROCK FESTIVAL”, a noi dedicato nell’ottica di una raccolta fondi molto importante per farci sentire il calore del pubblico, specialmente giovanile, che oltre a divertirsi sa offrire momenti di partecipazione alla solidarietà sociale. Ho accolto con piacere che la serata è risultata proficua per la beneficenza e che, nonostante la pioggia abbia osteggiato in parte lo svolgimento delle serate, un discreto numero di persone abbiano voluto portare il loro ostegno. Grazie di cuore a tutti, Luigi.”

“Siamo stati molto contenti  – ha dichiarato Roberto Masi, presidente Associazione Monza Brianza Eventi – che l’ambulatorio di Musicoterapia, presente nella struttura SLAncio, porterà il nome del Brianza Rock Festival.  Un grazie a tutti i 400 musicisti che in questi anni hanno suonato sul nostro palco.
La nostra Associazione organizza il BRF grazie al contributo di fondi privati e con piccolissimi contributi di Enti pubblici.  I nostri concerti sono tutti gratuiti! I costi dell’edizione 2014 hanno subito dei forti “rincari” grazie a elementari forme di agevolazioni che ci sono state negate.  Nonostante questo siamo riusciti a raccogliere sponsorizzazioni sufficienti a pagare i costi e donare 10.000 mila Euro al Progetto Slancio. Il prossimo anno, sempre se riusciremo nell’impresa di riproporre il BRF, vorremmo fare ancora di più, per i giovani, per il territorio, la cultura ed il sociale.”

Fabrizio Annaro

Foto dalla pagina FB di Maria Alberta Mezzadri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code