arte

MuME , Messina rinasce sotto il segno dell’arte

Ci sono città come Messina, in Sicilia, che raramente fanno parlare positivamente  di se’ . Solitamente  e ci  sembra che accada dal lontano  1908, l’anno del catastrofico terremoto che uccise la metà della popolazione, la città ha avuto spazio nelle cronache nazionali dei giornali per eventi negativi, spesso legati a storie di corruzione e mafia. Oggi non è così.

Arte per tutti, tutti per l’arte

Sono ormai celebri, una costante, un segno distintivo nonché una vera e propria firma. Sono i pinguini di Pao (Paolo Bordino), i protagonisti della mostra “Penguin Heroes“, dal 13 giugno al 9 luglio a st art. L’arte per tutti.

Miracolo a Milano: San Simpliciano

di Daniela Annaro – Foto di Giovanna Monzuzzi e Stefania Sangalli

Per parlare di questa chiesa  dobbiamo partire proprio da lui: Simpliciano, sacerdote, teologo e filosofo. Nasce qualcuno afferma a Roma, qualcun altro lo fa originario di Beverate, nel Lecchese, nel 320 d.C. e muore a Milano attorno al 401.

1917, l’amore e l’arte al tempo della Rivoluzione

1917, Pietrogrado. Cento anni fa, truppe bolsceviche nella notte tra il 24 e il 25 ottobre danno l’assalto al Palazzo di Inverno, lussuosa  residenza degli Zar. Un evento che sconvolge il mondo e soprattutto quei i paesi che avrebbero poi dato vita all’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, l’Urss.

Marco Nereo Rotelli: arte e poesia a Roma

Ogni pittore o scultore sceglie, quasi da subito, la propria cifra distintiva, quello che lo caratterizzerà e lo farà amare dagli appassionati di arte. Marco Nereo Rotelli, Venezia 1955, crea le sue opere coinvolgendo poeti, filosofi, scienziati e, naturalmente, il pubblico. E’ quello che avverrà a partire dal 26 aprile (nel pomeriggio dalle

Keith Haring, umanista USA

di Daniela Annaro

Io non sono un inizio, non sono una fine. Sono un anello di una catena. La robustezza di una catena dipende dai miei stessi contributi, così come  dai contributi di quelli che vengono prima e dopo di me”

Mario Giacomelli, maestro di fotografia, a Legnano

In occasione del Festival Fotografico Europeo, ideato e curato dall’Afi-Archivio Fotografico Italiano, il Comune di Legnano ospita nelle sale di Palazzo Leone da Perego-MA*GA di Legnano, dal 19 marzo al 4 giugno 2017, la mostra di Mario Giacomelli (1925-2000), uno dei fotografi italiani più significativi e conosciuti a livello

FAI…e ritornano le Giornate di Primavera

L’articolo 9 della Costituzione Italiana dice che:

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Avremmo molte cose da dire su questo articolo, soprattutto su come è stato applicato da parte dei nostri governanti negli ultimi 25 anni

Love Permanente… e incominciò il rinnovamento

di Daniela Annaro

La sede è il Palazzo della Permanente, la mostra è un insieme di grandi artisti di fama internazionale, il tema dell’esposizione è l’amore – love  in inglese –  tema di grande potenza. Questi gli ingredienti del rilancio di una delle più antiche istituzioni milanesi,

Divine creature

Sei mesi di preparazione e quarantacinque persone coinvolte. Sono questi i numeri della mostra  Divine Creature ”. La mostra presenta, per la prima volta al pubblico, dieci straordinari lavori fotografici che rivisitano altrettanti capolavori di arte sacra, sostituendo ai soggetti creati  da artisti celeberrimi  donne, uomini e bambini

Venezia scarlatta nella pittura di Lorenzo Lotto

Le Gallerie Nazionali di Arte Antica  di Roma presentano dal 15 marzo all’11 giugno 2017, nella sede di Palazzo Barberini, la mostra “Venezia scarlatta: Lotto, Savoldo, Cariani” nata attorno al nostro capolavoro di Lorenzo Lotto Matrimonio mistico di Santa Caterina d’Alessandria del 1524 e frutto di una

Plautilla, prima pittrice fiorentina in convento

Secondo quanto riferisce  lo storico Giorgio Vasari ne “Le vite de’ più eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani” le sue opere era disseminate nei conventi e nelle dimore dei nobili fiorentini. Ma lei  Plautilla Nelli, al secolo Polissena de’ Nelli (Firenze 1524-1588),  era  una suora domenicana, chiusa in convento dopo il secondo

Saletta Reale della stazione: un gioiello tenuto nascosto

di Emanuela Baio

C’è una Saletta Reale, ma nel suo insieme la stazione ferroviaria di Monza è poco regale e soprattutto è poco nobile la modalità per visitarla: chiedi la chiave al barista e se gli ispiri fiducia te la dà, entri, fai quello che vuoi e resti quanto desideri.

La cupola del Brunelleschi e i graffiti non richiesti

Come convincere turisti e visitatori a non imbrattare le pareti dei monumenti? E’ la domanda che centinaia di conservatori di beni culturali si pongono pressoché ogni giorno.  Come risolvere e impedire   un atto di inciviltà – perchè è di questo che stiamo parlando –  è un’impresa ardua, ma a Firenze hanno trovato una soluzione

Torino, Brescia, Cremona celebrano Magnum

Roberto Cavalli. Milan, Italy 2007

Proprio sessanta anni fa – si era nel 1947 – sulla terrazza del Museo d’’Arte Moderna di New York, nacque l’’agenzia fotografica Magnum. Si andava così concretizzando il progetto messo a punto da Robert Capa durante la guerra civile spagnola e discusso con altri fotografi come Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David Seymour e William Vandivert.

Le connessioni invisibili di Renato Mambor

di Daniela Annaro

Non sono in molti a conoscere Renato Mambor, rimasto nell’ombra nonostante le tantissime mostre  in sedi importanti come le Biennali di Venezia, la Triennale di Milano, il Macro e la Galleria d’Arte Moderna di Roma.

Berenice Abbott a Nuoro

Il Museo MAN è lieto di annunciare l’’imminente apertura della prima mostra antologica in Italia dedicata a Berenice Abbott (USA, 1917-1991), una delle più originali e controverse protagoniste della storia fotografica del Novecento.

Forlì, capitale dell’Art Déco

di Daniela Annaro

Era il 19 maggio 1923. A Monza, alla Villa Reale, si apriva la prima edizione della Mostra Internazionale di Arti Decorative cioè la  Biennale di Monza. Una storia che viene raccontata ora a Forlì, ai Musei di San Domenico, nella mostra ‘Art Décò. Gli anni ruggenti in Italia’ (fino al 18 giugno 2017).

Carlo Carrà, anarchico e ribelle

 di Daniela Annaro

I funerali dell’anarchico Galli (qui sotto) è forse l’opera del periodo futurista più bella e famosa di Carlo Carrà, nato a Quargnento (Alessandria) l’11 febbraio 1881. L’opera è ora a New York, al MOMA. E questa tela racchiude tutto il ribellismo dell’artista che ben si concilia con l’animo dei firmatari