rubriche

Depressione: il male oscuro dell’anima

di Roberto Dominici

La depressione è vivere, in un corpo che combatte per sopravvivere, con una mente che cerca di morire.

“La depressione è sentirsi come se avessi perso qualcosa, ma che non hai più idea di quando o dove l’hai perso

L’isola di plastica

di Valeria Savio

Continua a ripetere a se stesso che dovrà rimanere lì solo per venti giorni, giusto il tempo di svolgere il proprio lavoro, quello di “responsabile alla ricezione clienti Isola di plastica- Extreme”, che poi potrà tornare sulla terraferma a godersi i sei stipendi già ricevuti anticipatamente per questa mansione. Eppure, mentre si avvicina in barca all’isola di plastica nell’ Oceano Pacifico,

La vera guerra al narcotraffico

di Alfredo Somoza

Il traffico di cocaina, si sa, è uno dei settori dell’economia illecita che più sono cresciuti negli ultimi 30 anni. Il mondo è stato ormai invaso dalla polverina bianca che vive una sua seconda giovinezza. “Seconda” perché la

Europa, ultima chiamata

di Alfredo Somoza

L’Unione Europea dei nostri giorni assomiglia sempre di più a un cristallo incrinato. Le piccole e grandi fratture che rischiano di mandare tutto in frantumi ormai non si contano. A est ci sono due linee di frattura, una esterna e

Morte a San Siro

di Valeria Savio

Guido Barbieri, insegnante di storia in pensione, trascorre le giornate nella sua casa milanese dedicandosi alla stesura di un nuovo saggio, da quando è diventato vedovo si è chiuso in se stesso e frequenta pochi amici di vecchia data, i suoi unici legami familiari sono costituiti da Laura, la figlia, giornalista in un’emittente televisiva, e dal figlio di lei, il piccolo Michele

L’agonia del WTO

di Alfredo Somoza

Quando, il primo gennaio del 1995, sulle rive del Lago di Ginevra in Svizzera si inaugurava la sede dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, il WTO in inglese, il fenomeno che è stato definito “globalizzazione

Il passato che vive dentro di noi

di Roberto Dominici

La prima migrazione dell’uomo moderno dall’Africa, secondo uno studio condotto da un gruppo internazionale di ricerca apparso nel 2016 su Nature, sarebbe avvenuta 130.000 anni fa nel Pleistocene medio e non come ipotizzato in passato fra 50 e 75 mila anni fa nel Pleistocene superiore.

La mafia siamo noi

di Valeria Savio

La mafia non è soltanto un’organizzazione criminale, è anche un sistema di potere che si nutre del consenso sociale, per esistere ed espandersi non ha bisogno solo dei proventi che derivano dalle attività illecite che svolge ma anche dell’appoggio di funzionari pubblici, di politici e delle istituzioni. È una presenza che invade, in modo sotterraneo e capillare, la società a tutti i livelli,

Chiaroscuri cubani

di Alfredo Somoza

Dopo la spettacolare esposizione mediatica degli ultimi anni, l’unico Paese ufficialmente socialista dell’emisfero occidentale, Cuba, è tornato nell’oblio. Sono stati anni intensi, gli ultimi due, con L’Avana sempre in prima pagina:

Non sparate sul pianista

di Valeria Savio

Il mito del West, portato in Europa da Buffalo Bill con il suo circo creato negli ultimi anni dell’Ottocento, è stato protagonista indiscusso del cinema per molti anni, dando vita ad un genere molto apprezzato dagli spettatori. Gli eventi accaduti negli anni della scoperta dei territori americani sono stati spesso raccontati in modo romantico, infatti il West, inteso come frontiera, rappresentava un ideale di libertà

Riparte la giostra

di Alfredo Somoza

La situazione internazionale è caotica, e su questo tutti concordano. Instabilità, mancanza di leadership, crisi ambientali, conflitti bellici. Tra le pieghe delle notizie si scopre, in realtà, che c’è un mondo che, dopo essere stato

Lucio Dalla e la prima perla

di Enzo Biffi

Erano gli anni del Sanremo trasmesso dal salone delle feste del Casinò, gli anni di Celentano e Mina con le loro canzoni già un po’ innovatrici ma  tutto sommato ancora scritte nella  tradizione del bel canto italiano. I pezzi venivano cucinati con ingredienti semplici e sicuri,

Storie di semola e semplicità

di Valeria Savio

Il Natale non ha alcun significato religioso per Yasmina, eppure nella sua casa, in Sicilia, c’è un panettone che sporge dall’anta socchiusa di una credenza, e rappresenta in qualche modo il legame fra due mondi, quello delle origini e quello in cui la donna vive. Yasmina riceve Damiano, il suo ospite, offrendogli un qahwa, un caffè, e si stupisce del fatto che le chieda la ricetta dei biscotti che sta assaggiando,

La terra e le sue sette sorelle

Kepler 22b

di Roberto Dominici

L’annuncio della scoperta di 7 esopianeti (ad oggi l’elenco è di 44 pianeti extrasolari confermati) simili alla terra, orbitanti attorno ad una stella con caratteristiche che consentirebbero la vita come noi la conosciamo, riapre ancora una volta la “big question”, sulla possibilità dell’esistenza di vita extraterrestre.

Carpe Diem

di Luigi Picheca

Manca ormai poco all’appuntamento monzese con Papa Francesco e mi piacerebbe che questo splendido appuntamento rappresentasse per molte persone, giovani e meno giovani, l’occasione per riflettere seriamente sui

Civiltà solare

Il nostro stile di vita, il modo in cui riscaldiamo o raffreddiamo le nostre case e i mezzi di trasporto che utilizziamo quotidianamente sono condizionati dalle fonti fossili di cui ci serviamo, ovvero carbone, petrolio e gas. Eppure, da un…

Nazionalismo 2.0

di Alfredo Somoza

America first, la France avant tout, per la rivincita russa. Sono solo alcuni degli slogan nazionalisti che riecheggiano da Washington a Mosca, da Parigi a Istanbul. Slogan lanciati da politici che sono arrivati, o sperano di arrivare,

Marco: maschera da vincitore sulla faccia da vinto

di Enzo Biffi

Il 14 febbraio 2004 muore Marco Pantani. L’iconografia dell’eroe solo contro il mondo che sfida le montagne, la fatica e le intemperie è tanto efficace quanto banale. Diciamo subito: Marco ha vinto tutto e perso di più.

America first, la piccola america di Trump

di Alfredo Somoza

Poche volte nella storia, forse mai, in così pochi giorni un presidente degli Stati Uniti è riuscito a polarizzare l’opinione pubblica non solo del suo Paese ma del mondo intero. Superano ormai la decina le categorie di persone offese o direttamente colpite dalle prime misure del successore di Obama. Molti scoprono con sgomento che Donald Trump sta provando a mettere in atto,

Una speranza ostinata

“Vengo come testimone, per spiegare, non come un giudice o un pubblico ministero”, diceva spesso Max Mannheimer nel corso delle sue tante conferenze sulla sua esperienza nei campi di concentramento. Perché Mannheimer, ebreo nato nel 1920 a Neutitschein, nella repubblica Ceca, era sopravvissuto all’Olocausto, insieme ad uno solo dei suoi fratelli.