senzaconfini

Storie parallele

di Francesca Radaelli

Da una parte il centro di accoglienza straordinaria di Camparada. Dall’altra la scuola media Don Milani di Lesmo. Siamo nel cuore della Brianza e a separare i due luoghi non ci sono nemmeno tre chilometri di strada. Cammini

20 maggio senza muri

‘Insieme senza muri’.  Sabato 20 maggio le strade di Milano saranno attraversate da un popolo in marcia per una società aperta, fondata sull’incontro, la convivenza, l’integrazione. Una marcia per l’accoglienza e per la speranza, per chiedere un futuro senza barriere, che – in un tempo attraversato dal fenomeno delle migrazioni – sappia mettere al centro il valore della persona, senza discriminazioni e nel rispetto delle differenze culturali ed etniche.

Dall’Etiopia in Europa: un corridoio possibile

di Francesca Radaelli

Aprire il primo corridoio umanitario dall’Africa verso l’Europa. Questo l’obiettivo della  missione operativa congiunta di Caritas Italiana e Comunità di Sant’Egidio che in questi giorni si sta svolgendo ad Addis Abeba. Un’iniziativa che si colloca nel solco del protocollo siglato a Roma il 12 gennaio 2017 e che

Nuovi corridoi umanitari dalla Giordania

Prosegue l’impegno della Chiesa cattolica italiana sul fronte dei corridoi umanitari. La Cei ha infatti annunciato che, grazie ad un accordo con il Governo Italiano, a partire dal 7 marzo potranno arrivare in Italia 41 persone provenienti dai campi profughi della Giordania. Tra queste molte con gravi problemi di salute.

Si tratta di sette famiglie di cittadini siriani,

Settimana della Carità: alzare muri o condividere?

di Fabrizio Annaro

Come di consueto Caritas e San Vincenzo di Monza promuovono la Settimana della Carità e invitano a partecipare ai diversi incontri previsti per la prima settimana di Quaresima. Il tema di quest’anno è dedicato alla Accoglienza senza tralasciare le sue problematiche e nemmeno le sue difficoltà.

A Gino Strada il Premio Sunhak per la Pace

È convinto che il “diritto ad essere curati” sia un diritto umano fondamentale e inalienabile. Per dimostrarlo, ha costruito un centro di chirurgia cardiaca nel mezzo di un deserto. Gino Strada, fondatore di Emergency, è stato insignito lo scorso 3 febbraio, a Seoul in Corea del Sud, del Premio Sunhak per la Pace 2017.

Protagonisti dell’ accoglienza

Si è svolto lo scorso 2 febbraio ad Arcore presso le scuderie di Villa Borromeo l’ultimo incontro del ciclo Dobbiamo accogliere? promosso da RTI Bonvena insieme ad Aeris Cooperativa Sociale, all’interno del progetto Con altri occhi realizzato dalla cooperativa.

Migranti, c’è da avere paura?

C’è da avere paura? È la domanda che a volte sorge spontanea di fronte ai lineamenti ‘diversi’ dei giovani che vediamo camminare nelle nostre città, che sentiamo parlare tra loro, o al telefono, in lingue sconosciute. Di fronte, soprattutto, agli allarmi veicolati da alcuni mass media. ‘Storie vere. C’è da avere paura?’ è il titolo del

Vulnerabili e senza voce

“Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato” (Mc 9,37; cfr Mt 18,5; Lc 9,48; Gv 13,20)

È  questa la frase di Gesù scelta da Papa Francesco nel suo messaggio per la 103esima Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebra il prossimo 15 gennaio.

La Befana sul Lambro

La Commissione Cultura Alternativa invita tutti il 5 gennaio ad Agliate per la “Lambralalanguabangla“, la rappresentazione della Befana sul Lambro. Anche quest’anno, come per l’edizione precedente, la Commissione ha voluto coinvolgere all’evento anche una decina di  richiedenti protezione asilo accolti dalla RTI Bonvena, tutti

Percorsi formativi per richiedenti asilo

Si è conclusa con la consegna degli attestati di frequenza ai 26 richiedenti asilo, la terza edizione del progetto erogato dal Consorzio Desio – Brianza e promosso da RTI Bonvena.

Con 50 ore di formazione di cui 12 teoriche e 38 pratiche, il corso si è proposto di formare adeguatamente un

Grazie Italia!

migranti-grazieitaliadi Daniela Zanuso

Il tema è stato l’accoglienza, i percorsi di insegnamento della lingua italiana, i processi di integrazione sociale  dei migranti e richiedenti asilo, con particolare attenzione alla motivazione. Se ne è parlato a Monza, sabato 26 presso la sede della provincia di Monza e Brianza dove si è tenuto il secondo convegno annuale su questo tema.

La porta per un nuovo mondo

porta-africaSabato  26 novembre presso la sede della Provincia di Monza e Brianza di  Via Grigna 13,- Monza,  dalle 9.00 alle 13.00 si svolgerà un convegno   sul tema dell’apprendimento, una riflessioni sul tema della motivazione nei percorsi d’insegnamento della lingua italiana e di integrazione sociale rivolti a migranti e richiedenti asilo.

Il ritorno del medico di Lampedusa in Brianza

pietrobartolo00003Sono uomini, donne, bambini. Ognuno ha un nome: Kebrat, Jasmine, Favour, Omar, Mustafa… Li vede arrivare tutti, e si prende cura di tutti. Uno per uno. Uomini, donne, bambini. In 25 anni a Lampedusa ne sono sbarcati circa 300mila, ma per Pietro Bartolo, medico dell’isola, non sono né migranti né

La Brianza incontra Lampedusa

di Silvia Tosetti

il medico di LampedusaA maggio, in occasione dell’arrivo della Croce di Lampedusa organizzato dalla Caritas di Monza, Pietro Bartolo, medico dell’isola siciliana, aveva portato per la prima volta la sua testimonianza a Monza, incontrando in Duomo centinaia di persone e raccontando il suo lavoro di dottore a Lampedusa. Cinque mesi dopo, torna in Brianza: giovedì 27 a Seveso e

A Monza la dodicesima veglia per la pace

paceSi terrà mercoledì 21 settembre dalle 20.45 alle 22.00 circa – all’aperto davanti al palazzo del Municipio di Monza –  la dodicesima edizione della Veglia interreligiosa di preghiera per la pace nel mondo, promossa dalla UPF – Universal Peace Federation e dalla Federazione delle Donne per la Pace insieme ad altre associazioni, con

Rapporto immigrazione 25ª edizione

incontroChe cosa ti è successo, Europa umanistica, paladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà? Che cosa ti è successo, Europa terra di poeti, filosofi, artisti, musicisti, letterati? Che cosa ti è successo, Europa madre di popoli e nazioni, madre di grandi uomini e donne che hanno saputo difendere e dare la vita per la dignità dei loro fratelli?”. 

Trofeo della Pace: vince lo sport che unisce

trofeo pace sitoAlla fine ha vinto ancora una volta lo sport, quello migliore. E non stiamo parlando di Italia – Spagna. Domenica 26 giugno, infatti, proprio alla vigilia della partita della nazionale italiana agli Europei di Francia, a Monza si è svolta la giornata conclusiva del Trofeo della Pace, che

“Dal mare e dalla terra”

dalmare-terra01Le migrazioni non sono un flusso inarrestabile, incontrollabile e ingovernabile di persone. Non si possono fermare né si fermeranno. Sebbene in questi anni si sia registrato il più alto incremento dalla Seconda Guerra Mondiale, non sono un’emergenza ma un fenomeno strutturale. Eppure l’opinione pubblica pensa esattamente il contrario, e