Storie

Federica e il servizio civile: imparare dagli anziani

di Fabrizio Annaro

Federica 25 anni, diplomata presso il Liceo Psicopedagogico (oggi Liceo delle Scienze Umane) e diplomata O.S.S. (Operatore Socio Sanitario), studia Scienze Infermieristiche presso l’Università degli Studi di Milano. Abita a Concorezzo e svolge il Servizio Civile Nazionale al Centro San Pietro della cooperativa La Meridiana di Monza.

Tahar Ben Jelloun: “Ai nostri figli va detta la verità”

di Gabriele Nissim – Presidente di Gariwo

Se oggi gli intellettuali di fede o di cultura musulmana avessero il coraggio di esprimersi pubblicamente con gli argomenti di Tahar Ben Jelloun, non solo si farebbe un passo importante nella battaglia culturale e politica contro il terrorismo

La libertà oltre il bosco di faggi

di Daniela Annaro

Sembrerà strano in quest’Italia con una scuola sconquassata, senza fondi e messa negli ultimi posti delle priorità politiche e governative, ma esistono ancora insegnanti bravissimi, veri maestri di vita.

Claudia Koll si racconta

di Claudio Pollastri

Mi sentivo persa per le vie di Roma quando ho incontrato Dio. Da quel giorno la mia vita è cambiata. Era come se fossi ritornata dal mondo delle tenebre e avessi rivisto la luce, quella che ti sa riempire la vita e dà un significato speciale a ogni giorno della tua esistenza”.

Quando io ti tormentavo

Sotto l’incalzare di siffatte torture, quel poco di bene che ancora restava in me scomparve. Pensieri malvagi divennero i miei soli compagni, ed erano i più tetri, i più malvagi dei pensieri.

Edgar Allan Poe, Il gatto nero

La testimonianza di Giorgio Pressburger, salvato da Perlasca

giorgio-pressburgerE’ stato dopo molti anni che ho scoperto che gli dovevo la vita

Giorgio Pressburger, scrittore, drammaturgo, è un nome nella regia teatrale e cinematografica, nell’ambito delle radio e della televisione, oltre che collaboratore di importanti testate italiane.

Dino, il buon samaritano della Stazione Tuscolana

di Francesca Radaelli

Questa storia comincia da un incontro. Dal piacere di fare quattro chiacchiere. E da un naturale e umanissimo desiderio di far sentire un po’ meglio la persona con cui ci si trova, un po’ per caso, un po’ per curiosità, a fare

Monsignor Bruno Molinari e il Natale

Don Bruno, detto un po’ brutalmente, non le pare che il Natale sia diventato ormai ‘pagano’?

“Già anni addietro il cardinale Giacomo Biffi aveva ben evidenziato che facciamo festa ma non sappiamo più chi è il festeggiato – risponde senza esitazioni mons. Bruno Molinari, prevosto di Seregno -. Ora è chiaro che chi

Due giovani (con)vincenti

di Lalla Giordanelli Aria affidabile e decisa, 24 e 23 anni, niente università, lavoro in una multinazionale di telefonia, contratto a tempo indeterminato, una maturità e una chiarezza di idee che sorprende e che fa sperare tanto. Il pianeta giovani è…

Giancarlo Siani, martire della legalità

di Daniela Annaro

Foto ANSA / CIRO FUSCO

Trentuno anni fa,  il 23 settembre 1985, a Napoli la camorra uccideva il giornalista Giancarlo Siani.  Quattro giorni prima aveva compiuto 26 anni.

”Puoi cadere migliaia di volte nella vita, ma se sei realmente libero nei pensieri, nel cuore e se possiedi l’animo del saggio potrai cadere anche infinite volte nel percorso della tua vita,

Amore tra stelle lontane

Alfa-CentauriÈ notte e anche questa notte non mi è dato dormire. La Notte è un’amante gelosa ed esigente, una di quelle che ti svegliano  perché hanno voglia di divertirsi.  Aveva voglia di ballare. Io amo la Notte, ma non so se lei ami me. È un continuo tira e molla, non capisco che intenzioni abbia, non capisco cosa voglia da me,

Uno tsunami di nome Stefania

stefania-pepe-inzago-02A volte succede che, quando assisti ad un concerto, un film, una partita di calcio, uno spettacolo, pensi che in quella “formazione” spiccherà, a tuo parere, la tal persona, che avevi già apprezzato in altre occasioni. Poi, quando realmente ti trovi “all’evento” vieni attratto e colpito anche da qualcuno che non conoscevi “a tavolino”

Manda sms alla radio e non si toglie più la vita

10510407165_c2d5b83727_oÈ passato ormai un mese da quel venerdì 13 maggio. Poteva sembrare una mattina come tante altre: un conduttore radiofonico avvia come di consueto la sua trasmissione alle 7 del mattino, gli ascoltatori si sintonizzano sulla frequenza preferita, non curanti che di lì a qualche minuto

Walter Tobagi : uomo mite, giornalista sensibile

Walter-TobagiDi Walter Tobagi, giornalista del Corriere della Sera, si ricorda solitamente il giorno della sua uccisione, il 28 maggio del 1980, in via Salaino a Milano, a pochi passi da casa, per mano di un commando di terroristi di sinistra, la ‘Brigata 28 Marzo’, composto da giovani della borghesia cittadina.

Ma è giusto ricordare anche il giorno della sua nascita, il 18 marzo del 1947

Dove gli animali trovano casa

Francesca-bianco2Il piccione Saverio, la gallina Narcisa e poi pipistrelli, cardellini, porcospini, topolini di ogni genere. Francesca Bianco è la veterinaria, un po’ mamma… di tutti gli animali. Sin da quando era piccola, raccoglie ovunque animali feriti dichiarati spacciati, li cura amorevolmente e li rimette in piedi: cani, gatti, lucertole e lombrichi, ripiantava

Donatella e Haiti, un nuovo progetto

donatella-di-paoloVi  ricordate? Quasi un anno fa vi avevamo raccontato  dell’esperienza ad Haiti di una volontaria un po’ particolare: Donatella di Paolo, telegiornalista. Un viaggio segnato dalla recente guarigione da un brutto tumore al seno. Come molti altri volontari, Donatella non ha saputo resistere al bisogno di tornare tra i bambini disperati

Il volto dell’altro

moro-bonisoli13Nel pomeriggio di ieri, al teatro Villoresi di Monza, si è tenuto l’evento Incontri imprevedibili, così sono cambiate le nostre vite, organizzato da  San Vincenzo e Caritas di Monza, diretta da Don Augusto Panzeri. L’evento è parte della

Lettera alla vita

primuleA te, Samuele, cuore del mio cuore
splendido incontro di anime,
te ne sei andato prima ancora di schiuderti alla vita,

La marmellata della memoria

memoria_garitta2A un sacco di gente piace la marmellata. Secondo i dati IHA del 2000, confetture e marmellate hanno una penetrazione nelle famiglie italiane del 43,7%. C’è chi ama spalmarla su una fetta di pane fresco per colazione, chi la preferisce nella crostata di mamma, chi la degusta con il formaggio e chi addirittura se la gode mettendo il