Il coraggio di Freud, fondatore della psicanalisi

di Eleonora Ticca

Il 6 maggio 1856 nasce a Freiberg, in Austria, Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, o meglio, il nonno della psicoanalisi viste le innumerevoli generazioni di psicoanalisti che l’hanno seguito.

Un nonno ingombrate e autorevole, un nonno di cui non puoi fare a meno. L’identità clinica degli psicoanalisti che sono venuti dopo si è formata in modo imprescindibile da Freud, per similitudine o maggiormente per contrasto, ma tenendolo lì, sempre al centro delle loro teorie e della loro pratica terapeutica.

Freud è stato il fondatore del movimento psicoanalitico e anche il paziente zero, il primo caso della storia: è stato anche attraverso l’autoanalisi, l’auto-interpretazione dei sogni che Freud ha portato a compimento l’impianto psicoanalitico.

Freud, i suoi successori e la psicoanalisi in generale hanno influenzato in maniera determinante il Novecento portando alla luce una nuova concezione dell’uomo: un uomo mosso da sentimenti e credenze inconsce, un uomo che soffre, un uomo che può guarire attraverso l’autoconoscenza.

L’altro grande merito della psicoanalisi freudiana è l’aver portato al centro della riflessione clinica la relazione tra il paziente ed il terapeuta; attraverso i concetti di transfert, di controtransfert, di resistenza e di interpretazione la cura dell’uomo è veicolata dalla relazione e dalla cura della relazione, a pari merito con la tecnica. È uno stravolgimento paradigmatico: la guarigione della sofferenza psichica si basa sull’interazione tra le persone, all’interno di un discorso che è sempre a due.

Freud ci ha lasciato una grande eredità: uno scrittore estremamente prolifico, un conoscitore del profondo dell’animo umano, un medico rivoluzionario. Non ha mai smesso di esercitare un’influenza potentissima: anche dopo la sua morte, avvenuta nel 1939, è stato un riferimento imprescindibile per qualsiasi psicoanalista, e si potrebbe azzardare, per ogni studioso dell’uomo.

Con la sua morte la psicoanalisi è andata incontro ad una vera e propria diaspora concettuale, si è diffusa in tutto il mondo e si è caratterizzata per la contemporanea presenza di diversi orientamenti, molto differenti tra loro.

Si è soliti associare immediatamente il nome di Freud alla parola psicoanalisi ed è più che legittimo nella misura in cui ne è il padre fondatore e indiscusso; ad oggi però il vero portato di Freud non sono le sue teorie e la sua concettualizzazione della mente umana, in larga parte superate e contraddette dagli studi successivi. Il grande portato di Freud è aver aperto la strada allo sviluppo di una disciplina che si occupa delle profondità dell’animo umano e di tutte le sue sfumature, che ha ancora molto da dirci, che continua ad interrogarsi sulla struttura e sulla funzione della mente umana.

La mente cambia, è liquida come la società in cui viviamo: fin tanto che la mente sarà un fenomeno cangiante è probabile che la psicoanalisi avrà qualcosa da raccontarci su noi stessi. E lo dobbiamo soprattutto a Freud, al suo coraggio di reinterpretare il paradigma positivista mettendo al centro della riflessione ciò che non possiamo vedere, l’inconscio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code