Colombo, Zagrebelsky e Pasquino a Monza

  •  
  •  
  •  

decapitani-02wDemocrazia tra crisi e futuro è il titolo di una serie di incontri di cultura politica proposti dall’associazione  monzese Novaluna. Saranno presenti relatori di spicco come Gherardo Colombo, Gustavo Zagrebelsky,  Gianfranco Pasquino,  Ivan Berni, Paola Bonini, Elio De Capitani. L’itinerario è stato presentato lo scorso lunedì 21 ottobre. La prima parte è dedicata ai rapporti fra politica e comunicazione, in particolare sul ruolo del web. Il secondo ciclo,  tenterà, invece, di analizzare i possibili scenari sul futuro della democrazia.  Elio De Capitani, regista e attore della Compagnia Teatro dell’Elfo, interprete del Caimano nel film di Nanni Moretti, ha animato l’incontro di lunedì 21 ottobre e parlando a proposito dei media e dei giornali, li ha descritti come “luogo in cui si fa fatica a trovare la realtà”. De Capitani ha commentato il video “Gaia” di Casaleggio, un video di fantapolitica dove l’autore prevede la fine dei partiti, delle religioni e l’apoteosi della rete. Una visione politica criticata e considerata inquietante, sia da De Capitani sia da molti dei presenti. Giovedì 24 si è svolto il secondo incontro sul rapporto  web e democrazia con Paola Bonini e Ivan Berni.

Venerdì 8 novembre ore 21,00,  Gherardo Colombo e Gustavo Zagrebelsky si confronteranno sul tema “Quale democrazia per l’Italia”. L’appuntamento è a Monza presso l’aula magna della Facoltà di Medicina di via Cadore 48. Il ciclo di serate terminerà giovedì 21 novembre sempre alle 21,00, con “il Finale di partita”, così è stato titolato dagli organizzatori, che vedrà  la partecipazione di  Gianfranco Pasquino, politologo allievo di Norberto Bobbio. L’incontro del 21 novembre si svolgerà in sala Maddalena a Monza. La finalità di questo ciclo di incontri è quella “di favorire –si legge in un comunicato di Novaluna – la conoscenza e la comprensione delle cause della attuale crisi della democrazia … In questo contesto di crisi, si inserisce come predominante la relazione tra strumenti della comunicazione e impatto sul funzionamento della democrazia. Ne conseguono alcune domande: fino a che punto la telecrazia  e la democrazia del web, rappresentano un aumento delle opportunità di conoscenza e partecipazione diretta … fino a che punto rischiano di essere strumenti di manipolazione del consenso?”

La frase di Winston Churchill che la “democrazia è la peggior forma di governo, eccenzion fatta per tutte le altre forme sinora sperimentate” aleggerà su questo ciclo di incontri e ci aiuterà a capire ed apprezzare maggiormente il valore della libertà e i preziosi benefici della democrazia.

Per informazioni info.novalunamonza@gmail.com  www.novalunamonza.it

leggi il  comunicato stampa