Giornata mondiale contro la pena di morte

giornata-mondialeLa pena di morte è un provvedimento di inaudita crudeltà e fondamentalmente inutile, rispetto alla funzione di limitazione e contenimento dei fenomeni criminali. Non è un deterrente, non aiuta a scoraggiare i crimini, anzi, incrementa e legittima l’uso della violenza.

La stragrande maggioranza dei governi mondiali ha abolito le esecuzioni capitali per legge o nella pratica. Amnesty International ci informa che sono 140, cioè più dei due terzi i Paesi abolizionisti (http://www.amnesty.it/paesi-abolizionisti-e-mantenitori) . Nello specifico 102 Paesi sono totalmente abolizionisti, altri 32 da oltre un decennio non praticano esecuzioni capitali, e in 6 è stata abolita tranne che per reati eccezionali. A questi va aggiunta la Mongolia che, nel corso di quest’anno, ha adottato un codice penale abolizionista.

A seguito di attacchi terroristici alcuni governi hanno  posto però fine alla moratoria contro la pena di morte. Negli ultimi dieci anni, Bangladesh, India, Nigeria, Tunisia e altri hanno adottato leggi che hanno ampliato la portata della pena di morte, aggiungendo alcuni atti terroristici alla lista dei reati punibili con la morte.  Altri paesi come Pakistan e Ciad hanno ripreso le esecuzioni in precedenza sospese.

Papa Francesco ha consegnato a twitter il suo messaggio per questa giornata: “Non c’è pena valida senza speranza! “. E anche a noi non resta che sperare che la lista dei paesi abolizionisti si completi al più presto

Daniela Zanuso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code