Gli sgomenti romantici di Heinrich Fussli

Henry_fuseli_por_James_Northcote_1778di Daniela Annaro

“Sgomento e terribilità”. Lo ricordiamo con questi due termini lo svizzero-tedesco Heinrich Füssli o Henry Fuseli, come poi venne chiamato in Inghilterra , sua seconda patria.

Visionario di profonda cultura, Fussli nasce a Zurigo nel 1741 e cresce in un contesto culturale molto vivace. Gli studi sono ecclesiastici, ma poi abbandona l’abito talare proprio in virtù di un  senso di autonomia e indipendenza che lo caratterizza per tutta la vita. Poco più che ventenne, con una solida cultura letteraria, si trasferisce a Londra.

L'incubo, 1781

L’incubo, 1781

E’ il 1763. E’ qui che frequenta  Sir Joshua Reynolds, tra i fondatori della Royal Academy of Arts e pittore di grande successo, cultore della classicità rivista attraverso una visione più legata ai tempi. E’ Reynolds a incoraggiare Füssli verso la pittura. A Londra, Heinrich studia Johann Joachim Winckelmann, storico dell’arte e tra i massimi esponenti del neoclassicismo. E’ a quel punto che Füssli sente il bisogno di scoprire l’Italia. Un soggiorno lungo otto anni, dal 1770 al 1778.

E’ nel nostro Paese che approfondisce i suoi studi sull’antichità classica. “Con sgomento” dice  lui stesso turbato dalla bellezza e grandezza del passato, ma anche conquistato dalla “terribilità” di Michelangelo Buonarroti che, evidentemente sente molto vicino alla sua sensibilità. Un temperamento inquieto, il suo, come raccontano le sue opere che annunciano il Romanticismo.

La follia di Kate, 1806

La follia di Kate, 1806

Si pensi, per esempio, a “La follia di Kate”, opera del 1806, fermata sulla tela con un sguardo allucinato. Kate, personaggio tratto dal poemetto “Il compito” di William Cowper e trasferito in musica nell’opera “The Sofa” e’ una giovane domestica  distrutta dalla morte dell’amato.

“L’incubo” del 1781, ora conservata al Detroit Institute of Arts, è, forse, il dipinto più famoso. Una giovane borghese,sensualissima è sdraiata sul letto, sta sognando, anzi, vive come in un incubo: una testa di giumenta dietro una tenda e un demone con la faccia da scimmia la perseguitano in sogno. Creature mostruose  minacciano la giovane e bella donna. Sentimenti ed emozioni che colpiscono e stupiscono lo spettatore di oggi e del passato, tanto da condizionare  i suoi contemporanei come, per esempio, William Blake  e altri  intellettuali romantici.

Inquietudini visionarie e allucinate pervadono tutta la pittura di Heinrich Füssli. Un’estetica del sublime, in versione moderna, che trova nel maestro svizzero-tedesco un validissimo esponente.

Muore a Putney Hill, Londra, nel 1825.

 

Oggi accadde anche:

50 anni fa i Beatles negli USA: uno dei più grandi eventi televisivi della storia

Gorbačёv abolisce il partito unico. Verso la fine dell’URSS

5 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code