Anniversario della morte di Hannah Arendt

Hannah ArendtIl 4 dicembre 1975 morì Hannah Arendt. E’ stata una delle più acute e fini pensatrici del secolo scorso. Nata nel 1906 in Germania, ebrea, filosofa e allieva di Heidegger, scappò ai tempi della persecuzione  contro gli ebrei per  rifugiarsi negli Stati Uniti. Numerosi i suoi libri: Le origini del Totalitarismo, Sulla Rivoluzione, Vita Activa. Riuscì, con i suoi studi e le sue ricerche, a proporre una spiegazione convincente sulla genesi delle dittature sia nazista sia  comunista; si è spesso interrogata sul perché l’ideologia marxista, che desiderava creare giustizia e pace sulla terra, in realtà si è rivelata una delle forme più oppressive e sanguinose della storia umana. Di indiscutibile bellezza “La banalità del male”, una raccolta di scritti e riflessioni pubblicate sul New Yorker in occasione del processo del secolo a uno degli artefici dell’olocausto, il nazista Adolf Eichmann.  Era stato il Mossad, il servizio segreto israeliano,  a rapire nel 1960 Eichmann in Argentina e trasferirlo in Israele dove fu processato. Il 31 dicembre 1961 il gerarca nazista  sarà  condannato a morte, l’esecuzione è avvenuta il 31 maggio del ’62.   Come inviata al processo Eichmann, Hannah Arendt si convinse che il male si diffonde in modo  banale e a volte si presenta come una necessità in grado di ribaltare la scala dei valori e di tramutare orribili pratiche  “in ordinarie attività legali”.

untitledMa come è stato possibile che un’intera popolazione, quella tedesca,  sia stata sedotta? Come mai la coscienza non si è ribellata di fronte a quella catastrofe umanitaria?  Tutto cominciò con  la “propaganda  antisemita”  fondata su “false verità”, formidabili slogan che trovarono consenso e radice nell’antisemitismo dilagante in Europa e nel mondo. Sono le parole, i linguaggi a fomentare l’odio, ad esaltare il  razzismo, sostiene la Arendt,  a preparare alla violenza, a creare il clima culturale che conduce alla guerra. Il razzismo pare giungere “in soccorso” agli uomini quando questi si sentono minacciati da qualcosa, soprattutto dalla diversità. Nella parole e nei toni violenti ed aggressivi,  le idee malsane e razziste trovano una logica seducente, sino a ribaltare la scala dei valori  e sostituire il bene con il male.  La  Arendt sembra voler suggerire che il male riesce a diffondersi in modo semplice,  banale, sospinto dalla certezza del “così fan tutti”.

imagesLa Arendt  è stata studiosa della Politica che lei stessa definisce  “luogo del linguaggio”, della parola, del logos, ambito  in cui si esaltano  vizi e virtù dell’umanità. Secondo Hannah Arendt il pregiudizio è alla base della formazione del consenso. Il cittadino nelle sue scelte politiche è trascinato dall’emotività. Il leader è amato, osannato, al di là della ragione, al di sopra dell’evidenza, indipendentemente dai suoi misfatti. Solo il tracollo dei regimi sconfigge il tiranno togliendolo dalla scena della storia.

Fabrizio Annaro

12 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code