I grandi pittori: Paolo Veronese

  •  
  •  
  •  

9_Sarasota_FugaEgitto2_webVeronese è l’interprete  dell’apertura intellettuale e del civile modo di vita che fanno della società veneziana, in  tempo di conformismo moralistico, la società più libera e culturalmente più avanzata”.

Parole di Giulio Carlo Argan, tra i più grandi storici dell’arte del Novecento. Sui suoi manuali, si sono formati  migliaia di studenti  di Storia dell’Arte, futuri critici o, semplicemente, appassionati della materia.

E’ questo il punto di partenza per capire, scoprire e ritrovare il grande Maestro.

Paolo Veronese, al secolo Paolo Caliari da Verona, nasce  nel 1528. Il suo babbo è uno “spezzapreda”, uno scalpellino, e fu proprio  grazie alle conoscenze del padre, nell’ambiente artistico,  che Paolo entra  a far parte di un gruppo di pittori protetti dall’architetto Michele Sanmicheli .

http://it.wikipedia.org/wiki/Michele_Sanmicheli

E di un altro grande e geniale architetto è amico e sodale: Andrea Palladio.

http://it.wikipedia.org/wiki/Andrea_Palladio

Il che vuol dire  che  la sua pittura, la sua sensibilità ,devono necessariamente essere inquadrati in questo contesto, all’interno della scena artistica di quel tempo.

Miracolo di San Pantaleone
Miracolo di San Pantaleone

Un tempo sfarzoso per le Arti. Il Veronese lavora a fianco di altri grandi della pittura. Due soli nomi:Tiziano e Tintoretto. “La sua arte – scrive ancora Argan – ha al centro la natura come luogo ideale  della Vita”.

Per apprezzarla, è necessario comprendere che Paolo Veronese “rivendica il diritto di dipingere per ornamento” (Argan). Ecco perché nelle sue grandi tele, monumentali con meravigliosi scorci dal basso, ricche di colori  e di massima  luce, sono  un tripudio di “buffoni, ubriachi, tedeschi, nani, cani, scimmie e pappagalli”( Argan).

Ottimo tributo al suo genio, la mostra che gli dedica la città natale, Verona. Si intitola:”Paolo Veronese. L’illusione della realtà” ed è allestita a Palazzo della Gran Guardia fino al 5 ottobre 2014.

Due i curatori: Paola Marini  e Bernard Aikema.

http://mostraveronese.it/presentazione/

http://mostraveronese.it/il-restauro-della-cena/

Oltre Verona, Vicenza celebra il Veronese con un’altra rassegna imperdibile.

E’ il museo Palladio, a palazzo Barbarano, a ospitare l’esposizione “Quattro Veronese  venuti da lontano. Le allegorie ritrovate”.

Verona_Cena_Levi_web

Qui potrete scoprire il legame profondo tra  Veronese e Palladio. La mostra è un racconto avvincente perché rivela  il lavoro di ricerca di una laureanda, Cristina Moro, che ha “recuperato” e, con il consenso della comunità scientifica, attribuito al Caliari due dipinti.

http://www.palladiomuseum.org/exhibitions/AllegorieVeronese/mostra

E una volta chiuse le mostre, tornate in Veneto per scoprire la magia del Veronese che ha decorato ville e palazzi  tra Venezia, Verona, Vicenza e Treviso.

Daniela Annaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code