Il restauro del Sacello di Sant’Aquilino in San Lorenzo

di Daniela Annaro

E’ una delle basiliche più antiche di Milano, un suggestivo complesso religioso che racconta duemila anni di storia cittadina, bisognoso di importanti restauri.

Lo pensa il suo parroco, monsignor Gianni Zappa, pensiero condiviso  anche dalla Sovrintendente all’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Milano, l’architetto  Antonella Ranaldi. Un’accoppiata vincente e, soprattutto, efficiente. Ed è così che, quasi due mesi fa, hanno annunciato la prima trance di rimessa a nuova di una importante porzione di San Lorenzo Maggiore: la cappella di Sant’Aquilino.

Sacello di Sant’Aquilino – Cristo e gli Apostoli

Un sacello, cioè un piccolo edificio di culto , sia per i romani che per i primi cristiani, che conserva  mosaici di grande valore, mosaici paleocristiani, attentamente studiati da Claudia Tedeschi, eminenza grigia del restauro di cicli musivi. E proprio sui mosaici si focalizzeranno i lavori. Sono rimaste modeste porzioni di tessere nei due catini  delle nicchie semicircolari, ma nonostante ciò è possibile comprendere l’intera organizzazione decorativa. Qui in questa cappella era raffigurata la Gerusalemme celeste. In Sant’Aquilino , a grandezza naturale,  sono raffigurati i patriarchi di Israele, gli Apostoli e i martiri, soggetti e figure  inquadrate da pilastri dorati tempestati di gemme. Si parte dalla Cappella del santo patrono dei facchini, Aquilino di Colonia, appunto,  e poi si procederà sull’intera basilica.

Sacello di Sant’Aquilino – San Lorenzo

In due fasi: la prima  riguarderà il risanamento degli intonaci interni del deambulatorio e del matroneo; la seconda si occuperà delle opere in pietra e degli intonaci dell’ottagono e della cupola. Costo complessivo del restauro 2.000.000 di euro, cifra ingente a cui hanno abbondantemente contribuito Fondazione Cariplo e TMC Pubblicità. Il vescovo  Benzo d’Alba, vissuto nell’anno mille,  definì la basilica di san Lorenzo Maggiore come la chiesa più bella del mondo e, a più di mille anni  da quell’affermazione che oggi  pare esagerata,  avvertiamo una nuova verità. Con questo restauro, San Lorenzo recupererà il fascino  delle origini.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code