Il ritorno di Teodolinda

  •  
  •  
  •  
zavattari-11wdi Daniela Annaro

Un  grandioso restauro restituisce a Monza, agli amanti della bellezza, dunque all’umanità, un importante ciclo di affreschi tardo gotici. Restituisce e crea un nuovo incanto.

Le precedenti vicende conservative, non tutte opportune e rispettose, non rendevano giustizia  alle pitture murali dedicate alla Regina Teodolinda nella Cappella del Duomo monzese. Ci sono voluti sei anni di impegno e di battaglie dei coniugi Gaiani, generosi mecenati, e  cinque anni di tenace lavoro ricostruttivo della restauratrice Anna Lucchini con la sua equipe.

La Cappella di Teodolinda, a fianco dell’abside maggiore, ora, ha veramente un nuova vita.  Quarantacinque scene sviluppate  su cinque registri sovrapposti per un totale di 500 metri quadri firmate dalla bottega degli Zavattari hanno recuperato la loro dignità e tutta la loro magnificenza. Gli Zavattari ( il cognome non rende onore alla grazia della loro pittura perché fa riferimento all’origini del capostipite, molto probabilmente un calzolaio) sono chiamati  nel 1444 dall’arciprete Battista Bossi a narrare sulle pareti della cappella le gesta della regina dei Longobardi, Teodolinda, fondatrice della basilica alla fine del VI  secolo dopo Cristo.

Particolare prima del restauro
Particolare prima del restauro

Teodolinda è una principessa nata nella lontana Bavaria, una donna davvero molto particolare non solo per i suoi tempi. Sposa e converte al cattolicesimo  il re dei Longobardi Autari e il suo popolo e, alla sua morte, nel 590 d. C. si risposa con Agilulfo. Le sue imprese sono  dettagliatamente  messe in scena  degli Zavattari .

La loro bottega è molto rinomata alla corte degli Sforza, signori in quell’epoca  di Milano.  Nell’edificio sacro di Monza rappresentano le Storie di Teodolinda e realizzano uno degli ultimi capolavori del Gotico Internazionale.

Particolare durante il restauro
Particolare durante il restauro

Temi profani in una cappella sacra rivelano la libertà creativa  degli Zavattari e della chiesa di Monza nel XV secolo.

Si inizia  con Autari che cerca la sposa presso i Franchi non riuscendoci, (tanto che poi, appunto, sposerà Teodolinda) si conclude con la sconfitta dell’imperatore Costante  che lascia l’Italia senza combattere contro i Longobardi, perché secondo una profezia erano invincibili anche dopo la morte di Teodolinda.   

Una ricostruzione storica che i maestri Zavattari attingono dagli scritti e documenti della “Storia dei Longobardi” di Paolo Diacono e dalle cronache trecentesche di uno storico monzese. Storie del passato che si intrecciano con quelle del presente.

zavattari-10wMolto probabilmente senza la tenacia  dei coniugi Gaiani riusciti a coinvolgere  il prestigiosissimo World Monuments Fund, la Marignoli Foundation, la Regione Lombardia e la Fondazione Cariplo, nonché a richiamare attorno a questo progetto le migliori menti ed energie, oggi non saremmo qui a raccontarvele. Sono loro che sono riusciti a raccogliere i denari necessari per il restauro, (quasi tre milioni di euro) a cercare gli sponsor, a impegnarsi personalmente nel seguire la rinascita della Cappella di Teodolinda. Fino a Pasqua i ponteggi, allestiti per il restauro, rimarranno agibili per il pubblico (centro prenotazioni al numero: 039.32.63.83) che potrà vedere da vicino le pitture murali dedicate alla Regina bavarese.

Teodolinda come non l’avete mai vista!

©fotografie di Stefania Sangalli

Monza, 7 febbraio 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code