Intervista a Valeria Graci

Vvaleria gracialeria Graci, attrice e comica, famosa per le sue imitazione della Panicucci, di Michelle Bonev e per le gag nei panni di Peppa Pig,  è venuta a trovarci al Centro Simona Sorge  in una bella mattina  di fine aprile. Anche lei ha  accettato il nostro invito a rendersi disponibile per un’intervista sulla sua carriera, la sua vita.

  1. Ci sei o ci fai?

Ci sono e ci faccio, ci sono nella vita e ci faccio sul palco.valeria graci 6

  1. Come nasce al tua carriera?

Intorno ai 7 – 8 anni avevo già questo obiettivo e ho cominciato presto ne avevo 17. Tutto è andato avanti in modo naturale, semplice, con un grande desiderio e una grande determinazione, pur con tutte le difficoltà di questo mestiere.

  1. Perché hai deciso di imitare la Panicucci?

Non è un personaggio particolare tipo Barbara d’Urso, ma mi faceva impazzire vederla sempre impeccabile, elegante, truccata, tacco 15 alle 9 del mattino e quindi ho detto: bisogna prenderla un po’ in giro… l’ho trasformata estremizzandola.

  1. Come mai hai fatto entrare nel tuo repertorio la Peppa Pig?

Perché ho un bambino di 4 anni che, come tutti i bambini, si sparava questi cartoni animati uno via l’altro e noi con lui, era drogato di Peppa Pig. Un giorno dovevo intrattenerlo e mi sono inventata questa cosa di Peppa Pig  ed è successo che mio figlio si è messo a ridere e  rideva di gusto. valeria graci 3Poi ho pensato che poteva funzionare e l’ho chiesto al mio autore. Da lì è nata l’idea, abbiamo girato un video, l’abbiamo postato su Youtube  e ha avuto un grande successo in pochissimo tempo. Alla fine mi ha chiamata anche Antonio Ricci per fare la Peppa al Parlamento.

  1. Com’è Pippo Civati? C’è del tenero fra voi due?

Io non posso svelare questa cosa è un segreto di stato, sicuramente abbiamo un feeling. Ma va, non c’è niente, lui si presta perché è furbo e poi mi guarda con questi occhioni languidi, si imbarazza, ma poi ride…

  1. Il personaggio che hai interpretato o che interpreti a cui sei più legata?

E’ senza dubbio Michelle Bonev, un’attrice regista bulgara, un personaggio particolare, mi sono divertita tanto a farlo.

E qui Valeria si presta a fare Michelle Bonev, ne fa un “pezzo” dal vivo per i ragazzi del Centro, molto divertente e apprezzato. valeria graci 1Valeria racconta che l’ attrice bulgara è stata al centro di uno scandalo perché ha denunciato pubblicamente Berlusconi e ha dichiarato che lei in cambio di film e fiction si doveva prostituire:  “Un genio – aggiunge Valeria – per anni si è mantenuta così e poi ha denunciato. Prima  mi ha vista e si è complimentata. Poi mi ha mandato una lettera dall’avvocato e mi ha diffidato per diffamazione. Io le ho cambiato il nome e ho continuato a fare la sua imitazione”.

  1. Sogni nel cassetto?

Negli anni si sono ridimensionati, prima erano legati alla carriera, al lavoro. Ora la cosa più importante è che stia bene mio figlio e la mia famiglia e che possa mantenere il mio lavoro, così do un senso vero al mio lavoro. Poi, quando si spengono le luci del palco e torni alla vita, il luccichio e la cosa finta si esauriscono e torna tutto come prima. Poi di sogni ce ne sono: vincere l’oscar, fare un musical…..

  1. Cosa pensi di Mina?valeria graci 2

Io conosco bene la figlia, Benedetta Mazzini che è  mia grande amica e che il 14 novembre compie gli anni. Io quel giorno la chiamo e comincio a cantare la canzone di tanti auguri e canto come una stupida. Dall’altra parte della cornetta sento: “Ciao Valeria, sono la mamma di Benedetta” . Mi sono sentita male  e ho cercato di recuperare e ho detto delle cose che hanno peggiorato, mi sono scusata dandole della signora. Questa è stata la mia conoscenza con Mina. Una figura di m….

  1. Rimpianti?

No, forse professionalmente avrei potuto studiare un po’ di più. Io ho fatto la valeria graci 4ragazza alla pari per una famiglia americana e tenevo 4 bambini. Poi loro si sono trasferiti in Florida e sono rimasti là. Mi avevano fatto la proposta di andare da loro per farmi studiare recitazione, io ho preferito restare qui anche perché un po’ ho avuto paura . Sono comunque contenta ma, ogni tanto, mi faccio questa domanda: se fossi andata là? Magari oggi sarei a fianco di Ben Stiller. Sono soddisfatta della mia vita, metto sempre il cuore in quello che faccio, questo mestiere è la mia vita. Ma quando stacco faccio una vita normale, quello che fanno tutti, pago le bollette, bevo il caffè con le altre mamme, sto in casa con la tuta. Mio figlio e mio marito mi hanno riportato molto alla realtà e sono molto felice.

  1. L’idea di fare le troniste a chi è venuta?

valeria graci 7Facevo la baby sitter e quando non lo facevo  accendevo al tv e alle 14.45 partiva “uomini e donne” e siccome frequentavo il laboratorio Scaldasole ogni volta  dicevo di guardare la trasmissione perché la  consideravo assurda: ragazze che andavano in tv a fare figure pessime tanto che una sera ho detto a Katia, facciamo questa cosa, ma poi è rimasta sempre lì.  Dopo alcuni anni è venuta l’idea e abbiamo coinvolto Bisio in questa avventura e lui si è divertito tantissimo e così siamo diventati famosi anche con questo.

  1. Artisticamente ti sei separata da Katia: escludi categoricamente una reunion?

Io e Katia non ci siamo mai separate veramente, ma abbiamo avuto i figli a distanza di un anno esatto. Ci siamo prese un momento per capire come evolvere e dare spazio alla nostra vita privata . E’ stato un momento di pausa, ci incontriamo ancora e nessuna esclude la possibilità di fare qualcosa insieme. Ora abbiamo due strade professionali diverse, ma mai dire mai.valeria

Valeria ci ha dedicato una mattina intera, più di quattro ore: ha fatto mille domande sul nostro Centro e su di noi, dimostrando  un interesse vero e non di circostanza. Siamo riusciti anche a farle vedere i filmati dei nostri progetti, a raccontarle delle nostre iniziative e molti ospiti hanno potuto scambiare più di una parola con lei: anche chi non ha potuto partecipare all’intervista, ha ricevuto la sua visita in camera. E’ stato davvero un felice incontro che speriamo di poter ripetere ancora, nonostante lei ora abiti a Roma.

Grazie Valeria, è stato davvero un bell’incontro!

Daniela Zanuso e Paolo De Gregorio

A cura della Redazione di Inzago.

logo sacra famigliaUn progetto de Il Dialogo di Monza in collaborazione con la Fondazione Sacra Famiglia

paolo

valeria g

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code