Italia : fascino e mito

68. MOORE Figura distesa n.6

Il Bel Paese è stato per secoli meta di letterati, artisti, aristocratici,  uomini di cultura che volevano ammirarne le bellezze naturali, il patrimonio artistico,  godere la dolcezza del clima, cogliere la suggestiva umanità della popolazione e  le loro tradizioni.

L’Italia dimora del cuore, luogo di poesia, meta irrinunciabile di un processo di formazione della classe aristocratica e borghese europea, mito nell’immaginario collettivo dell’Europa del tempo. Un viaggio obbligato.

Da oggi 23 aprile, alla Villa Reale di Monza e fino al 6 settembre si può ammirare quell’Italia vista con gli occhi degli artisti stranieri che l’hanno visitata, che sono stati stregati dalla sua bellezza che hanno saputo coglierne la magia.

VAN WITTEL Palazzo Ducale Venezia San Giorgio
VAN WITTEL Palazzo Ducale Venezia San Giorgio

Questo è il tema della mostra “Il Fascino e il mito dell’ Italia dal Cinquecento al contemporaneo”. Circa sessanta gli enti prestatori, fra pubblici e privati, per un totale di 90 opere collocate negli splendidi spazi del secondo piano nobile della reggia e provenienti da Italia, Europa e America.

Molti i capolavori assoluti suddivisi in quattro sezioni: opere di Van Dyck, Rubens, Ingres, Lorrain, van Wittel, Mengs, Gherardo delle Notti, per arrivare a Picasso, Matisse, Dalì, Rodin e senza tralasciare Correggio, Tiziano, Giotto, Canova, quei pittori e scultori italiani che li hanno ispirati, di cui hanno colto l’incanto e la poesia.

KIEFER Odi navali
KIEFER Odi navali

La mostra inizia con una copia  dell’Apollo del Belvedere (l’originale è ai Musei Vaticani) e passa attraverso cinque secoli d’arte per chiudersi con un tragicamente attuale Kiefer.

VAN DYCK Autoritratto
VAN DYCK Autoritratto

Promossa da ministero, soprintendenza e direzione regionale per i beni culturali e con il sostegno della Regione, è diventata realtà grazie al Consorzio Villa reale, Skira editore  e Cultura domani e grazie soprattutto al lavoro di un comitato scientifico presieduto  e guidato da Caterina Bon Valsassina e Sandrina Bandera.

Una bella mostra che rende omaggio all’Italia ed è un’occasione e un contributo per valorizzare il nostro patrimonio artistico e culturale e  per capire quanto il nostro Paese sia stato “maestro di cultura” dal Cinquecento ad oggi,  fonte di ispirazione per tanti artisti del mondo intero.

Daniela Zanuso

Orari

martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica 10-19

venerdì 10-22

per info: www.fascinoemito.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code