L’8 marzo raccontato dagli uomini

In occasione dell’8 marzo la redazione ha chiesto a diversi uomini di dedicare una riflessione a questa giornata per le donne.

“Dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna”

Fede (23)

La festa della donna ci ricorda che le donne sono pari agli uomini, quindi che non dovrebbe esistere la festa della donna.

Andrea (36)

Ogni anno si ricorda la ricorrenza della festa delle donne, volendo sottolineare sempre che la donna non può essere discriminata o sottovalutata, perché nella sua esistenza rappresenta la persona che ha più compiti “essendo madre e anche lavoratrice”. Le donne sono immensamente uniche, senza donna la parola Amore non esisterebbe neanche. La donna è parte integrante che completa l’universo.

Io, l’8 marzo, bacerei tutte le donne

Gianluca (46)

L’8 marzo è la festa delle donne e il mio pensiero principale va a quelle della mia vita: la mia mamma, la mia nonna e la mia ragazza, alle quali – in particolare – per questa giornata auguro con tutto il mio amore, felicità e gioia.

In generale il mio pensiero, poi, si rivolge a tutte le donne che incontro in questa giornata particolare, senza alcuna differenza e facendo loro i miei più sinceri auguri di cuore. E’ un giorno di festa, come in ogni festa bisogna essere felici, trasmettendo Amore. In particolare in questa data importante dove le donne sono le festeggiate, si ricorda la loro importanza nel sistema odierno dove ricordiamo le lotte per la parità dei sessi. Magari ancora un po’ mammone e tenerone considero la festa dell’8 Marzo una festa dove ogni donna deve sentirsi importante.

Auguro perciò a tutte le donne, amore, felicità e gioia per sempre!!!

Simone (32)

…Gli uomini rubano i cuori e le parole…in questo caso sono le uniche che mi pare descrivano un mondo del quale non conoscono molto ma del quale non possono fare a meno

… ” sono piccoli dettagli e tutto il resto è da buttare via…”…

… ”quel che conta è l’ultima fermata, se sei ancora in grado di stare in piedi e di tornartene a casa”…

… “le frasi fatte tipo diamoci tempo, sarà il tempo che deciderà…perché un momento può durare un momento oppure non passerà”…

… “soprattutto guardare su in cielo…mio dio che bella giornata di sole… e nonostante tutto aprire l’ombrello perché ti sembra che piove”…

… “cercare fino in fondo ai suoi occhi…almeno un minimo di dolore…perché di sangue che s’impara ad amare e non di sole parole”…

… “soprattutto guardare un film muto… e provare ad alzare il volume… ed accorgersi che questo silenzio non potrà avere fine”…

… “terra ferma in questo cielo mare… e ci si ferma il tempo di un saluto… che già si deve andare”…

 

…Auguri!                                                                                                                    Massimiliano, 43 anni

L’8 marzo non faccio nulla, anzi cerco di evitare di incontrare qualche donna ad eccezione della mia compagna ovviamente. Giovani, vecchie, amiche, conoscenti o semplici passanti non fanno eccezione. Cambio addirittura strada, magari guardo solo in basso o evito di uscire. Non è menefreghismo, ma solo voglia di non turbare i complessi impianti mentali femminili o forse sono solo un po’ vigliacco e già la parola “AUGURI” mi mette in difficoltà. Non so mai se farli o meno.

Se li faccio puntualmente trovo qualcuna che pensa che l’8 marzo non vada festeggiato, mentre se non li faccio trovo magari chi si aspetta una parola di solidarietà o forse un mimosa.

Insomma qualunque comportamento genera o può generare piccoli malumori e perciò la tendenza è quella di evitare incontri e limitare l’8 Marzo alla parte familiare. Tutti gli anni mi ripeto questa cosa e tutti gli anni non la applico ed esco, mi fermo a parlare e non evito incontri femminili. Prevengo eventuali malumori con frasi del tipo “AUGURI, anche se so che non bisognerebbe festeggiare!!!”.

Forse mi rendo solo conto che ogni giorno dovrebbe essere un 8 Marzo, ma poi, ogni anno, ci troviamo qui ancora ad avere mille motivi per festeggiarlo, a dare mille ragioni per festeggiare qualcosa che non dovrebbe esserci a calendario e quindi, purtroppo, anche l’anno  prossimo sarò qui a pormi il problema se fare o meno gli auguri.

                                  Andrea (48)

 

…E cosa pensano di questa giornata i giovani uomini?

A mio parere, le donne devono sempre avere gli stessi diritti e le stesse possibilità degli uomini e non dovrebbe esserci bisogno di un giorno apposta per ricordarsene.

Purtroppo solo una parte della società se ne è resa conto, perciò è ancora importante che ci sia un’occasione per chiarire le idee a tutti.

                          Riccardo, 14 anni

 

Per me la festa della donna è importante perché è giusto che abbiano gli stessi diritti e le stesse opportunità degli uomini.

                                                             Andrea, 15 anni

 

L’8 marzo è un giorno importante per le donne perché sono giustamente riuscite ad ottenere i loro diritti come gli uomini.

Filippo, 15 anni

Io penso che questa festa sia importante per ricordare che i diritti sono uguali per tutti e non cambiano né in base alla razza né al sesso.

Davide, 15 anni

Io penso che durante la festa della donna tutti dovrebbero pensare a quanti femminicidi ci sono in Italia ogni anno e che ogni donna dovrebbe essere rispettata  e mai picchiata o violentata.

Andrea, 15 anni

Le donne non dovrebbero essere discriminate come minori rispetto agli uomini, perché non lo sono, e non dovrebbero subire nessun tipo di violenza.

Pietro, 14 anni

Penso che le donne vadano rispettate. A ogni donna spettano gli stessi diritti degli uomini, non vanno discriminate.

Giacomo, 14 anni

Penso che l’8 marzo sia una festa per ricordare che la violenza sulle donne è una cosa da non fare per nessun motivo; questa festa serve anche per ricordare  tutti i diritti che in passato le donne non avevano.

Lorenzo, 14 anni

La festa della donna è una festività importante perché ricorda i diritti della donna che devono essere pari a quelli dell’uomo.

Sono convinto che regalare un fiore alle donne in quel giorno sia significativo ma forse più significativo sarebbe avere un comportamento sempre rispettoso nei loro confronti.

Edoardo, 14 anni

La festa delle donne è un giorno per ricordare quanto le donne sono importanti per la nostra vita.

Luca, 14 anni

Per me l’8 marzo è una festa importante perché si ricorda ciò che è successo alla donna nel corso della storia.

Matteo, 14 anni

E’ una festa importante perché è giusto che anche le donne abbiano dei diritti che è giusto ricordare.

Federico, 14 anni

Festa commercializzata, passata dal ricordare la conquista dei diritti al festeggiare la conquista dell’inutile.

Tommaso, 14 anni

L’8 marzo, la festa della donna, durante la quale si dovrebbero ricordare solo le conquiste raggiunte dalle donne; invece si ricordano anche tutte le violenze subite dalle donne. Una cosa davvero importante e che ancora oggi le donne non sono riuscite a sconfiggere… ed è veramente brutto pensare che  molte donne siano state violentate e sottomesse, perché le donne sono uguali agli uomini.

Antonio, 14 anni

Penso che la festa delle donne sia molto importante perché senza di esse il mondo non esisterebbe e anche per ricordare che molte donne nel mondo sono considerate inferiori agli uomini e quindi sfruttate.   

 Alessandro, 15 anni

Secondo me è una festa importante perché è giusto ricordare che anche le donne hanno dei diritti… uguali agli altri senza distinzione.

Mattia, 14 anni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code