L’Europa trova accordo su Tobin tax

  •  
  •  
  •  

TobinCon tutta probabilità già dall’inizio del prossimo anno entrerà in vigore la Tobin Tax, la tassa sulle transazioni finanziarie. L’accordo ha visto il consenso di Italia, Germania e Francia, e di altri paesi dell’Unione ma non quello dell’Inghilterra. Non sono stati ancora comunicati i dettagli, ma appare chiaro che la tassa riguarderà gli scambi azionari e i derivati. Esclusi i titoli di Stato. la decisione è stata presa durante il vertice Ecofin. Il Regno Unito ha manifestato netta contrarietà alla tassa e ha persino minacciato azioni legali nel caso l’accordo potesse interessasse i mercati  inglesi.

La Tobin tax è una  proposta formulata nel 1972  dall’economista inglese James Tobin e prevede un prelievo fiscale su ogni transazione valutaria in modo da disincentivare le speculazioni valutarie e finanziarie. L’aliquota proposta sarebbe tra lo 0,05% e l’1%. I  sostenitori della Tobin tax affermano che ad un tasso dello 0,1% si garantirebbe ogni anno all’incirca 166 miliardi di dollari  il doppio della somma annuale necessaria per sradicare dal mondo la povertà estrema. I contrari, invece, sostengono che la cifra incassata  sarebbe molto minore visto che i guadagni speculativi, in realtà, sono molto inferiori di quello che si immagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code