Lucio Fontana il padre dello Spazialismo

648-ib_p007_0_36di Daniela Annaro

Ricordiamo oggi, 19 febbraio, il padre dello Spazialismo, un  movimento legato alla pittura astratta.

Lucio Fontana (Rosario di Santa Fé –Argentina – 19 febbraio 1899/  Comabbio-Varese 7 settembre 1968) è stato uno dei più grandi artisti moderni.

Un maestro celebrato poco nel nostro Paese, ma le cui opere sono esposte nelle collezioni permanenti  e nelle mostre temporanea dei migliori musei del mondo: da Washington a Londra, da Tokyo a Parigi, e proprio in questi giorni al Museo Guggenheim di New York.

concetto spaziale

concetto spaziale 1968

Per gli scettici e per chi non ama l’arte moderna e contemporanea, quest’ultima informazione può apparire incomprensibile .

In fondo – dicono queste persone – si è solo specializzato in buchi e tagli che anch’io sarei capace di fare!”.

Ma l’arte moderna e contemporanea, è soprattutto “idea forte”, serie di passaggi mentali che creano un percorso condiviso a chi riesce ad andare oltre il “buco”, oltre la “fenditura” della tela.

Lucio nasce in Argentina perché lì  si trovava il suo babbo, a sua volta scultore. Quando torna in Italia, coltiva l’amore per la scultura studiando con  Adolfo Wildt.

signorina-Fontana 300x300

Lucio Fontana, Signorina seduta, 1934

E da lì, inizia la sua investigazione  sulla forma, la materia, lo spazio attorno alla materia.

All’inizio di questo percorso anche lui è figurativo. (Signorina seduta del 1934)

Ma sono gli anni in cui  tutta l’arte cerca vie diverse  in Italia come nel resto del pianeta.

Le figure pare abbandonino il piano e continuino nello spazio” scrive Fontana. E per continuare nello spazio deve uscire, bucare la tela (monocroma spesso di un bianco puro o di altre tinte) e  cercare l’oltre.

Nascono così fenditure (tagli) verticali o rotonde. Fontana li realizza anche  con  materiali nuovi, come la ceramica.

Teorizza questi studi in sette Manifesti dal 1947 al 1953. E non si limita a usare la ceramica. Proprio in questa prospettiva, studia e utilizza strumenti espressione delle tecniche moderne come radio, televisione, luce nera, neon…

Lucio_Fontana_Visore

Lucio Fontana, Concetto Spaziale. Attese 1961

Forme nello spazio che vibrano, creano suggestioni e nuovi pensieri. Una moderna bellezza.

Agli scettici e increduli, sensibili però alle emozioni, suggeriamo  di ammirare di sera, al buio, l’opera di Fontana  vista dal basso  in piazza del Duomo a Milano. Non c’è bisogno neanche di visitare l’esposizione  permanente.

Basta alzare lo sguardo verso il finestrone più alto del Museo del Novecento (ex Arengario) per averne conferma.

 

6 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code