Medici senza Frontiere: dal Congo la storia di Emmanuel

La Redazione

Con una certa periodicità, agli amici di Medici Senza Frontiere  arrivano notizie dai diversi paesi in cui l’associazione internazionale è impegnata.

Sono notizie confortanti, buone notizie,  quelle che a noi de “Il Dialogo di Monza – La provocazione del bene” piace condividere. Ovviamente è drammatico il contesto nel quale gli operatori di MSF lavorano. Paesi   su cui non  sono puntati i riflettori dei media occidentali, non interessano la grande stampa se non quando ci sono conflitti alimentati da  interessi di altre nazioni e potentati stranieri. Insomma, niente di nuovo.

Di nuovo c’è che abbiamo deciso di condividere il lavoro dei medici e volontari: in questo caso il video viene dalla Repubblica Democratica del Congo, terzo produttore di diamanti nel mondo, anche se la maggior parte della produzione viene utilizzata dalla grande industria e non per farne gioielli.  Paese ricchissimo di materie prime: dal petrolio, al rame, oro, zinco e soprattutto il coltan, fondamentale per l’industria della telefonia e dei cellulari. Un paese ricchissimo anche per quanto riguarda l’agricoltura: caffè, cacao, riso, mais ed altro ancora.

Questo ben di dio  finisce nei conti all’estero di politici locali corrotti, una ricchezza che non viene ridistribuita sul territorio.come denunciano tutte i più importanti operatori umanitari impegnati  in progetti di aiuto su quelle terre. Manca legalità, mancano  soprattutto  istituzioni credibili e autorevoli. I livellli di povertà sono spaventosi. aggravati da una pesante guerra intestina tra truppe mercenarie e esercito regolare. Questo è il contesto in cui si sviluppa la storia che Anna, medico italiano di MSF, racconta oggi. Ci parla di Emmanuel, un bimbo di 10 anni.

http://www.medicisenzafrontiere.it/

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code