Natale in Friuli: i borghi che si trasformano in presepi

di Annamaria Colombo

Presepi di sabbia, di granoturco, di paglia, di legno scolpiti al momento. Presepi viventi e meccanici e perfino subacquei: in Friuli Venezia Giulia, terra di grandi abilità artigiane, dicembre è per eccellenza il mese della fantasia. Uno dei borghi più caratteristici è quello di Andreis in provincia di Pordenone, tra le Dolomiti friulane, che nel periodo natalizio si veste a festa. Nel corso dell’anno gli abitanti del posto – anche bambini, ragazzi e anziani- dedicano il loro tempo libero alla creazione di addobbi che, per tutto il mese di dicembre e nei primi sei giorni di  gennaio, serviranno ad abbellire gli alberi del paese.

Ad Andreis non si usano materiali ricchi e sofisticati. Ogni addobbo viene realizzato con oggetti di riciclo(lana, carta, ritagli di stoffa) o con tutto quello che la montagna offre (legno, muschio, sassi, pigne) in nome del rispetto dell’ambiente. Gli alberi addobbati sono particolarmente belli da vedere quando arriva la sera, quando con le loro tenui luci illuminano un suggestivo itinerario che fa scoprire ai visitatori le viuzze, i cortili, l’architettura spontanea di Andreis, fatta di pietra e legno, rimasta  intatta nei secoli.

Info: Associazione pro Andreis cell. 333.3666825;  oppure email: prolocoandreis@libero.it

Fino al 18 gennaio decine di presepi trasformano invece Poffabro, considerato uno dei borghi più belli d’Italia, in un fiabesco museo all’aperto: tutti i presepi sono esposti negli angoli più caratteristici del paese. I lavori sono stati realizzati da  artisti, hobbisti e appassionati di tradizioni popolari, famiglie e le associazioni del paese.

Le tecniche e i materiali utilizzati sono variegati: alle statuine in porcellana, gesso e legno si alternano quelle di vetro, stoffa, lana e rame. E poi ci sono presepi di cioccolato, di pietra e di paglia. E tutti a loro modo raccontano la Natività ambientandola nelle piazze, nelle vie, nelle case del caratteristico paesino montano. Ogni anno sono migliaia i visitatori che arrivano a Poffabro  che all’imbrunire, quando si accende di mille luci di candele, diventa ancora più suggestivo. E così Poffabro si trasforma in un presepio tra i presepi.

Info: comune di Frisanco

 

 

 

 

5 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code