Ooho ball, la pallina che sostituisce la bottiglia


di Daniela Zanuso

Palline di gelatina piene d’acqua o di altre bevande, biodegradabili e commestibili, che in bocca  si rompono rilasciando la bevanda contenuta. È un’invenzione che potrebbe sostituire completamente le bottiglie di plastica e diminuire notevolmente l’inquinamento ambientale. L’idea è nata da  tre giovani ingegneri spagnoli, (Rodrigo Garcia Gonzales, Guillaume Couche,  Pierre Paslier),  fondatori della Skipping Rocks Lab, una start-up che a Londra e a San Francisco ha presentato le «Ooho balls». Si tratta di sfere trasparenti di gelatina grandi come una pallina da ping pong. La gelatina, in doppio strato,  è un composto di alghe marine e cloruro di calcio, con l’aggiunta di un gelificante, quello comunemente usato in cucina. Anche il costo è decisamente contenuto: 2 centesimi l’una.

L’invenzione risale al 2014, ma ci sono voluti due anni per sviluppare la tecnologia necessaria e ora i giovani ingegneri stanno raccogliendo, anche attraverso il crowdfunding, la cifra necessaria per avviare la produzione delle palline Ooho. Obiettivo: distribuire le palline entro il 2018.

Lo scopo è naturalmente quello di fornire la comodità delle bottiglie di plastica limitando l’impatto ambientale, proprio perché  il consumo di risorse non rinnovabili per bottiglie monouso e la quantità di rifiuti generati è ormai assolutamente insostenibile.

Ogni anno finiscono in mare oltre 8 milioni di tonnellate di plastica. E’ come dire che ogni minuto un camion della spazzatura riversa il suo contenuto di plastica in mare per 365 giorni all’anno. Un danno incalcolabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code