Progetto Mosul: un museo virtuale

MosulPer reagire alla barbarie della distruzione delle opere d’arte assira nei territori occupati dal Califfo, l’8 marzo è stato lanciato sul Web il “progetto Mosul“.

Si tratta di un museo online 3D che mira a ottenere sia immagini delle opere minacciate che l’aiuto in linea di esperti di patrimonio artistico o di programmazione informatica.

I due archeologi che guidano il progetto, entrambi volontari, sono Matthew Vincent e Chance Coughenour, intervistati oggi dal giornale francese Le Monde a cui hanno spiegato di essersi attivati dopo avere visto in tv le immagini della distruzione del Museo di Mosul, a febbraio.

Sono partiti da un messaggio sulla pagina Facebook della Rete europea dei ricercatori del patrimonio digitale, e ora possono già contare sulle stesse tecnologie che utilizza il British Museum per visualizzare i suoi reperti. Intorno al progetto si è radunata una comunità di migliaia di studiosi interessati alle opere assire.

Il progetto ha anche generato domanda di lavoro: sono ricercati esperti codificatori e “fotogrammetristi” (per trasformare le opere in immagini 3D).

Lo scempio delle opere d’arte nelle zone occupate dall’ISIS era già stato ricordato anche dal giornalista del Corriere Lorenzo Cremonesi a proposito delle chiese armene, tra cui quella famosa di Deir Es Zor.Mosul1

A Mosul è stata distrutta dall’ISIS anche la Chiesa di San Giorgio, un episodio che è apparso in video solo adesso, ma risale in realtà all’estate del 2014, quando le milizie del Califfo, dall’Iraq, allargarono il loro dominio alla Siria, iniziando la loro macabra campagna contro i simboli cristiani, utilizzando le chiese anche come dormitori, prigioni, depositi di armi, tribunali islamici e moschee. Nei video dello Stato islamico spesso si assiste alla distruzione di croci.

per gentile concessione di
http://it.gariwo.net/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code