Da San Patrignano a Orticolario – un fiore che germoglia nel deserto

  •  
  •  
  •  

san patrignanoTra gli stand espositivi a Orticolario ne è presente uno che ha un colore diverso, è quello della cooperativa sociale di San Patrignano. 16000 sono i ciclamini dei ragazzi, che con cura e dedizione hanno fatto germogliare e crescere. San Patrignano è una casa, uno stile di vita, per quei giovani che hanno smarrito la strada e che grazie al contributo di persone di buon cuore e docilità, riescono a riprenderli e a far ritrovare loro il proprio senso esistenziale.

«Il lavoro nella comunità è uno strumento per attuare il nostro progetto di rieducazione – afferma Marco Tamagnini, responsabile del settore Agrozootecnico – Nel fare ed eseguire il lavoro, esigiamo sempre il massimo, affinché anche colui che proviene da pessime esperienze, possa dimostrare a se stesso e al mondo che è in grado di compiere e realizzare qualcosa di bello. Il settore della coltivazione ne è chiaramente un esempio. Abbiamo un vivaio in cui lavorano una cinquantina di ragazzi. Essenzialmente ci occupiamo di piante da esterno, due collezioni, ortensie e rose. Essendo un’opera bella è anche giusto farsi conoscere e prendere parte a manifestazioni importanti come questa di Orticolario. Per noi rappresenta un costo allontanarci dalla comunità, però sappiamo che per i ragazzi è importante sapere che le proprie piante vengono vendute e quindi apprezzate, anche sul suolo nazionale».

IMG_0136_web

Lo scopo principale è quello di educare e aiutare i ragazzi, san Patrignano crea manodopera, formando in modo accurato la persona, trasmettendo loro un lavoro, perché una volta fuori dalla comunità devono acquisire la mentalità e la capacità di assumere la responsabilità per portare a termine un qualsiasi tipo di lavoro. Al tempo stesso, gli operatori e i professionisti della comunità volge il proprio sguardo al ricostruire l’aspetto sociale di questi ragazzi, permettere loro di riconquistare la sicurezza, facendogli imparare a riaffrontare le problematiche della vita.

Chiara De Carli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code