Sisley, l’impressionista anomalo

di Daniela Annaro

alfred_sisley_photo_fullA fine ottobre del 1839, il 30 per la precisione, a  Parigi, nasce Alfred Sisley. I suoi genitori sono ricchi inglesi, ma lui passa alla storia per aver partecipato e vissuto intensamente una delle stagioni più significative della pittura francese: l’Impressionismo.

Un pittore impressionista un pochino anomalo e molto meno amato e apprezzato rispetto ai Monet, Renoir, Pissarro, Degas… E certo non perché fosse di origine inglese, o forse, anche per quello.

Diciottenne, i genitori lo mandano a studiare a Londra, loro sono commercianti affermati, ma lui pù che  studiare economia, frequenta  musei e apprezza molto le opere di John Constable e di William Turner, straordinari paesaggisti e inglesi come lui.

Quando rientra in Francia, nel 1861 a 22 anni, il suo destino è segnato: farà il pittore e non il ricco uomo  d’affari. Nell’atelier  di Charles Gleyre, dove  apprende i rudimenti  del disegno,  conosce e diventa amico di  Renoir, Monet e Frédéric Bazille. E lì che i quattro elaborano le prime considerazioni sul paesaggio, sulla necessità di uscire dagli studi, sul dipingere all’aria aperta, “en plein air“, per cogliere la luce,  i suoi effetti in un ambiente naturale, per adeguare i canoni  un po’ stantii degli insegnamenti accademici. Un atteggiamento che allora non piace molto ai benpensanti della pittura che amano l’ordine e le cose scontate.

alfred_sisley_-_the_seine_at_argenteuilAnni eroici e di appassionate discussioni e lavori  (con relativi successi professionali) ,supportati dal gruppo di amici e  di intellettuali, come per esempio Emile Zola.  Anni felici e di favorevoli condizioni economiche sostenute dal patrimonio di famiglia. Per il giovane Sisley, tutto cambia nel 1871, quando il padre fallisce e lui deve farsi carico di se stesso e della famiglia. Cambia anche per i legami con gli altri amici impressionisti : loro non fanno più gruppo, prendono strade diverse, elaborano nuovi percorsi stilistici. Lui no, fedele a se stesso rimane fortemente ancorato al paesaggio, non rinnova il suo linguaggio, sensibile al rapporto con la natura, i fiumi, gli alberi, la campagna, il mare…

alfred_sisley_042Una ricerca sicuramente realistica, ma intanto la pittura si orienta verso un dimensione intimista.

Gli ultimi anni, a partire dal 1896, sono i più difficili. Forti dolori reumatici ne minano la salute, l’ultima mostra retrospettiva è un fallimento, non vende nessuno dei 46 quadri in esposizione, due anni dopo muore la sua compagna di vita, Eugenie, e lui la segue a distanza di qualche  mese. Muore l’11 gennaio del 1899. L’inglese Alfred ha solo 59 anni. Viene sepolto nel cimitero di Moret-sur-Loing, piccolissimo paese a nord della Francia dove ha sempre vissuto. A dirgli addio accorrono i suoi  amici Renoir, Monet e Adolphe Tavernet.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code