Tag Archive for buone notizie

Cinque anni di Dialogo: lo stupore della normalità in prima pagina

di Fabrizio Annaro

Quando partimmo cinque anni fa, esattamente il 28 ottobre 2013, qualcuno sorrise bonario e, simpaticamente, ci battezzò come visionari, sognatori sganciati dalla realtà. Da sempre i professionisti della comunicazione considerano un giornale di buone notizie  un controsenso. Montanelli l’avrebbe considerato un insulto alla cultura e alla tradizione del giornalismo.

Richiedenti asilo al lavoro nelle aziende

di Fabrizio Annaro

È stata una vera e propria mobilitazione. Alla notizia del respingimento della domanda di asilo del ragazzo impegnato in un tirocinio presso la loro azienda, un gruppo di lavoratori del vimercatese, senza indugio, ha preso carta e penna e inviato una lettera di appello al giudice, in favore del ragazzo.

Un anno record per il turismo…sempre più sostenibile

di Francesca Radaelli 

Un anno record per il turismo italiano. Secondo i dati del Ministero dei Beni culturali e del turismo, nel 2017 gli arrivi sono cresciuti dell’8%, i musei hanno registrato un +9% di visitatori e un +13% di incassi, mentre la spesa degli stranieri è aumentata del 7%. Senz’altro una buona notizia per il nostro Paese. Ma forse

Il Dialogo ha fatto poker

di Fabrizio Annaro

Siamo proprio sicuri che sia ancora valido il detto: “niente nuove, buone nuove“?

Viviamo un’epoca in cui la comunicazione ha conosciuto fortissimi mutamenti e rivoluzioni continue.

Il Papa, Fiorello e il Re nudo

di Enzo Biffi

Fiorello per mestiere ci fa ridere; il Papa per missione ci fa pregare. Ma ogni tanto, per la legge naturale del destino, capitano coincidenze improvvise: così che qualche settimana fa entrambi mi hanno fatto ragionare.

Agnese Moro: nelle buone notizie le risposte ai nostri problemi

Agnese Moro Foto Ansa

Intervista a cura di Fabrizio Annaro

Agnese Moro, giornalista,  firma  “Costruire cose buone“, rubrica de La Stampa dedicata alle buone notizie. Per la pagina del nostro giornale, “Aspettando Francesco”, abbiamo chiesto  ad Agnese una sua opinione sull’appello

Il bene non fa notizia ma c’è

di Aldo Moro da Il Giorno 20 gennaio 1977 (*)

Il bell’articolo di Goffredo Parise sul ‘Corriere della Sera’ di qualche giorno fa, un monito a tener conto della realtà, per quanto sgradevole essa sia, merita qualche osservazione. Fra tante cose giuste quest’acuta analisi contiene

Papa Francesco e le buone notizie

di Fabrizio Annaro

Il 25 marzo Papa Francesco sarà a Monza. La redazione ha deciso di aprire uno spazio specifico in vista della visita del Papa. “Aspettando Francesco” è il titolo di questa pagina e ospiterà i contributi e le riflessioni in attesa

Premio “Buone Notizie”

Padre Federico Lombardi, direttore emerito della Sala Stampa Vaticana e di Radio Vaticana; Safiria Leccese, conduttrice de “La Strada dei Miracoli” su Rete4; Eric Jozsef, corrispondente dall’Italia del quotidiano francese “Liberation”; Arturo Mari, “il fotografo del Papa”; sono i vincitori dell’edizione 2017 del premio “Buone Notizie”.

Davide contro Golia: la sfida all’inquinamento

di Fabrizio Annaro

‹‹Grazie alla riduzione delle emissioni, in Europa la qualità dell’aria è migliorata, ma non in misura sufficiente a evitare danni inaccettabili alla salute umana e all’ambiente. Dobbiamo affrontare le cause profonde dell’inquinamento atmosferico con una trasformazione fondamentale e innovativa dei nostri sistemi energetico, alimentare e di mobilità».  

Il giornale che si pianta

The-Mainichi-Newspaper-pianta-ecologiaLe buone notizie sboccerebbero benissimo sul The Mainichi Newspaper, il giornale giapponese che strizza l’occhio all’ecologia abbattendo lo spreco di carta.

Si tratta di un quotidiano realizzato con pagine formate da materiale riciclato al quale vengono aggiunti semi pressati capaci di sostituire i fogli di carta.  

Premio Buone Notizie

UCSI-logoE’ una piacevole sorpresa scoprire che c’è un  premio “Buone Notizie”.

Istituito da UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana) è giunto quest’anno alla ottava edizione. I vincitori dell’edizione 2016 sono:

Diritti umani: le migliori buone notizie del 2015

dirittiGennaio, Nigeria – Il 7 gennaio la Shell ha accettato di risarcire la comunità di Bodo, nel delta del fiume Niger, devastata dal 2008 da due fuoriuscite di petrolio. Un’azione legale promossa nel 2011 nel Regno Unito dalla comunità di Bodo ha costretto la compagnia petrolifera a una conciliazione extragiudiziale in base alla quale

Expo curioso!

expoExpo si è aperto e tutti i riflettori sono puntati sulla grande fiera di Rho-Pero.

Ma forse c’è qualcosa che ancora non sapete…

Innanzitutto un padiglione di Expo si può ammirare in centro città: si tratta della mostra Arts and Foods 

Siria – Italia : questioni di grano

granoÈ sempre questione di grano.

Soprattutto in Siria dove la popolazione si trova  nel bel mezzo di una sanguinosa guerra civile e di un’enorme crisi alimentare. La situazione è drammatica tanto che l’agenzia governativa nazionale per il commercio dei cereali (in sigla l’HOBOOB)

Il piede in due scarpe contro la crisi

scarpeHanno messo il piede in due scarpe i giovani disoccupati di Parabiago (comune in provincia di Milano) per trovarsi un lavoro.

Infatti il Comune – che negli ultimi anni, in linea con le stime nazionali, ha registrato un aumento vertiginoso della disoccupazione tra gli under 30 – ha promosso lo scorso marzo il terzo corso gratuito per operatori calzolai.

Donne che danno una mano

magliaPunti non ne perdono di certo le donne di “Cuore di Maglia” che da tutta Italia sferruzzano precise su gomitoli di lana multicolore.

L’associazione nasce ad Alessandria nel 2008 dalla passione di un gruppo di amiche che decidono di trasformare un antichissimo hobby in un’opera di bene.

Le buone notizie del 2014 raccontate da Amnesty International

Jacinta Francisco MarcialGrazie ad Amnesty, una raccolta di storie in cui ha prevalso il rispetto dei diritti umani. Condannati a morte salvati dall’esecuzione, rilascio di prigionieri di coscienza, passi avanti verso la fine dell’impunità: sono queste alcune delle buone notizie del 2014 ottenuto grazie all’impegno di chi sta dalla parte dei diritti umani.