Trofeo della Pace, domenica 25 giugno le finali del torneo di calcio

Si terrà domenica 25 giugno la giornata conclusiva del torneo interetnico di calcio del Trofeo della Pace, il consueto appuntamento di sport e integrazione che si sta svolgendo in questi giorni nella città di Monza.

Sono circa 150 i giovani di diverse nazionalità e culture impegnati, anche quest’anno, nella manifestazione promossa dall’associazione UPF Universal Peace Federation, insieme al Comitato brianzolo della UISP, l’Unione Italiana Sport per Tutti, che giunge quest’anno alla sua dodicesima edizione e come di consueto si articola nel torneo interetnico di calcio a 7, attualmente in corso, e in quello di pallavolo femminile, che si terrà a settembre presso la palestra della scuola media Zucchi di Monza.

La squadra della UPF Sport for Peace

Dopo gli allenamenti, nelle giornate di domenica 11 e 18 giugno si sono svolte le prime partite del torneo di calcio e anche oggi, giovedì 22 giugno si giocherà presso il campo “Città di Monza” nel quartiere di S. Albino. Il verdetto finale arriverà domenica, quando si terrà la giornata conclusiva, presso lo stadio Sada di Monza, messo a disposizione dalla Società Sportiva Juvenilia Fiammamonza, con la presenza di tutte le squadre per le finali e le premiazioni, con coppe, medaglie e gadget per i partecipanti. E’ prevista l’entrata libera e gratuita per tutti gli appassionati.

La squadra dell’Atletico XX settembre, del Centro di accoglienza di via settembre di Monza, gestito da RTI Bonvena

“Come nella tradizione del Trofeo della Pace, si sono visti tantissimi gol in tutte le partite, sempre molto interessanti e piacevoli da vedere”, sottolinea Carlo Chierico, presidente UPF Monza e organizzatore dell’evento. “Sono state giocate con tecnica non indifferente e grande agonismo, ma con la massima correttezza, da parte di tutti i protagonisti in campo, che hanno dimostrato di avere ben compreso lo spirito di questo torneo interetnico, che risulta una delle manifestazioni più interessanti in Brianza per il suo mix di sport, amicizia, integrazione e solidarietà. Quest’anno la partecipazione di studenti di scuole superiori ha permesso inoltre di ampliarne la valenza educativa ed etica”.

La squadra dei Black United

 

Tra le squadre partecipanti, i giovani del Centro Mamma Rita di Monza, la nota comunità educativa gestita dalle suore dell’ordine “minime oblate del cuore di Maria”, tanti giovani del CPIA, il Centro Provinciale Istruzione Adulti, grazie all’impegno della prof. Maria Antonietta Mancuso e la squadra della UPF Sport for Peace, ideata dallo stesso Carlo Chierico. Che per il futuro ha in cantiere un importante progetto: l’idea di partecipare, il prossimo anno, ad un vero e proprio campionato per diffondere l’etica e i valori nello sport portati avanti sia attraverso il Trofeo della Pace sia i vari convegni organizzati sul tema. Perché, come diceva Nelson Mandela, “lo sport ha il potere di creare speranza dove c’è disperazione ed è più potente dei governi nel rompere le barriere razziali”.

La squadra CMR 50

 

In attesa dell’appuntamento di domenica, sul sito dedicato www.trofeodellapace.org vengono pubblicati i risultati delle partite, la classifica, foto e le news relative.

La squadra del CPIA

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code