Il bacio dell’Assunta

Incontro con gli autori finalisti del Premio Campiello 2013Riuscirà Giuseppe Bernasconi, l’anarchico del paese, a sorvolare il lago di Como in aeroplano vincendo così la sua scommessa contro il ricco Resega? E al mulo Oreste interessano davvero le confidenze che Giuseppe si ostina a fargli? Ma, soprattutto, chi ha rubato la statua della Madonna del Carmine dalla chiesa, e perché?

Siamo a Mezzegra, sul lago di Como, nei primi anni ’80, la comunità è in subbuglio a causa di questo blasfemo furto, il maresciallo Gargiulo indaga pigramente fra un aperitivo ed un pranzo, e il sindaco, considerata la gravità dell’evento, mette temporaneamente da parte la propria ostilità verso il parroco e si allea con lui.

Dopo il bellissimo romanzo La Caduta, finalista al premio Campiello nel 2013, Giovanni Cocco ha voluto divertire i suoi lettori con un romanzo di costume che si inserisce perfettamente nel filone letterario riconducibile a Guareschi .

Ma non solo. L’autore descrive la splendida regione della Tremezzina, sulla sponda occidentale del lago di Como, e ne racconta i retroscena storici, inserendoli abilmente nella narrazione senza interrompere l’evoluzione della trama.

Particolarmente bella la figura del parroco, Don Luigi, uomo intelligente e riflessivo, punto di riferimento per l’intera comunità, in particolare per i ragazzi che frequentano il suo oratorio.

Un romanzo divertente e ben articolato, che fa il ritratto ad una società italiana che non esiste più, vista con gli occhi di uno scrittore tutto da scoprire.

Valeria Savio

copertina il bacio dell'assunta

 

Lascia un commento