Cooperazione scende in piazza per T-Essere Democrazia

di Fabrizio Annaro

La Cooperazione scende in Piazza edizione 2022. T-Essere Democrazia. Studentesse e studenti protagonisti dell’evento in programma per Sabato 28 maggio 2022 – Spazio Rosmini – Monza. Un’iniziativa a cura del Comitato Confcooperative di Monza e Brianza 

Monza, 19 maggio 2022. Ancora una volta saranno le studentesse e gli studenti ad essere protagonisti della sesta edizione del tradizionale evento di Confcooperative, “La Cooperazione scende in piazza”. Un evento che, a causa di iniziative già programmate nella stessa data, non si svolgerà in Arengario come di solito accadeva.

Quest’anno ad ospitare la manifestazione sarà lo Spazio Rosmini. “Abbiamo optato spiega Marco Meregalli, Coordinatore Confcooperative Monza e Brianzaper la sede dello Spazio Rosmini, un luogo periferico, ma importante e simbolico perché si intende attivare una coprogettazione tra il Comune di Monza con una rete di associazioni e di cooperative della città per gestire ed animare questo spazio”.

Luogo di socializzazione e di manifestazioni sportive, lo Spazio Rosmini è pronto ad accogliere le studentesse e gli studenti che hanno partecipato al percorso di educazione cooperativa “Pensa Cooperativo”, un itinerario progettato e realizzato da Coach Umanisti ed Esperti di Politiche Attive del Lavoro delle cooperative La Fucina e Betania. Si tratta di percorsi di orientamento al futuro che coinvolgono sempre più Istituti del territorio e che, quest’anno, hanno interessato alunne e alunni dell’Istituto “Adriano Olivetti” di Monza, del Liceo Statale “Carlo Porta” di Monza, e dell’Istituto “Martino Bassi” di Seregno.

Cooperazione scende in piazza: un’immagine dell’ultima edizione sotto l’Arengario di Monza.

 

Perché Democrazia

Gli organizzatori hanno scelto come tema centrale dell’iniziativa la Democrazia, non solo per il valore civico e fondante della nostra società, ma anche perché la vita delle cooperative si basa proprio sui principi democratici.  “È la Democrazia, infatti, aggiunge Marco Meregalli – ad essere uno dei valori principali della vita delle cooperative. Le decisioni strategiche di una cooperativa sono definite non sulla base di un principio gerarchico, bensì sulla base della collaborazione e della partecipazione dei soci alla vita cooperativa. Sono i valori democratici a formare, generare consapevolezza e senso di responsabilità dei singoli membri delle imprese cooperative”.

Da qui il titolo dell’evento: T-Essere Democrazia perché, per tutti, in particolare per i giovani, è fondamentale, nelle fasi di conoscenza e di avvicinamento a uno stile di vita cooperativo, mettersi in gioco e lasciarsi interpellare su cosa sia la democrazia per la nostra vita, su quanto i valori democratici influenzano le nostre scelte individuali e domandarsi quanto questi valori incidano nelle nostre relazioni sociali e lavorative.

Workshop “T-essere”: l’arte prova a svelare il significato della democrazia

A supporto di questo percorso educativo è stata chiesto al mondo dell’Arte di collaborare. Sarà infatti l’artista e scultore del territorio e docente dell’Accademia di Brera di Milano, Alberto Gianfreda ad inaugurare l’evento del 28 maggio e lo farà chiamando sul palco una ventina di ragazzi che avranno con sé una tavoletta di cemento friabile con inciso il loro volto.

Per avere un’idea della performance di Gianfreda, apri questo pdf

La performance proseguirà con la frammentazione di queste immagini e con la ricostruzione di una nuova opera collettiva. Un mosaico i cui tasselli sono costituiti dai frammenti dei volti spezzettati. Un’azione artistica che simboleggia il percorso compiuto, il mettersi in gioco e l’aprirsi alla presenza dell’altro. E mentre si eseguirà questo workshop con la ricostruzione artistica dei frammenti, Simone Matrisciano della Cooperativa La Fucina faciliterà il confronto tra gli Ambasciatori della Cooperazione e i cooperatori del territorio: un momento di dialogo che permetterà ancora una volta a studentesse e studenti di confrontarsi con il mondo del lavoro da veri protagonisti del loro futuro.

Opera in ceramica dell’artista Alberto Giunfreda

In attesa di conoscere l’esito del workshop, i musicisti di Spazio Musica Scuola, SMS, animeranno l’evento con un laboratorio divertente e coinvolgente. Al termine della mattinata, il passaggio di consegne tra gli Ambasciatori della Cooperazione uscenti e quelli subentranti: un momento che attesterà  il desiderio di far crescere questo progetto  integrando quanto di nuovo e di interessante ciascuna generazione  comunicherà all’altra. 

Prima del workshop e del dialogo tra studenti e cooperatori, i saluti istituzionali a cura di Pierfranco Maffè Assessore Istruzione del Comune di Monza, Riccardo Borgonovo Vice-Presidente della Provincia Monza e Brianza – di Giacomo Pintus, Capo di Gabinetto della  Prefettura  di Monza e della Brianza e di Giovanni Carrara Presidente Confcooperative Milano e dei Navigli.

A concludere l’iniziativa, invece, saranno Désirée Chiara Merlini Assessore ai Servizi Sociali, Massimiliano Longo Assessore alla Cultura di Monza, entrambi del Comune di Monza, Guido Garlati Dirigente Scolastico IIS Mosè Bianchi di Monza e Capofila Ambito 27, Massimo Minelli Presidente Confcooperative Lombardia. 

Infine, al termine di tutto, aperitivo a cura della Cooperativa Lavoro e Solidarietà.

L’evento sarà condotto dal giornalista Fabrizio Annaro.

In allegato locandina con programma dettagliato dell’evento.

Spazio Rosmini, via Rosmini, 72 – Monza  – Utilizzare Google maps

Media partner dell’evento: Il Dialogo di Monza – La provocazione del bene – www.ildialogodimonza.it