Dona un albero e dedicalo alla persona cara

  •  
  •  
  •  
 di Daniela Zanuso

“A Lorenzo, il mio grande amore “. “A Veronica: questo è l’albero del nostro amore, sarà bello e crescerà forte come i nostri due cuccioli Pietro e Cesare. Ti amo”. “In memoria di mia mamma. Perché questo albero cresca insieme a tua nipote, che tanto avresti amato e mai hai potuto abbracciare”. 

A Firenze vi può capitare di trovare alberi con queste dediche. Lo scorso anno, in occasione della festa dell’albero di novembre, l’assessorato all’Ambiente Del Re ha deciso di lanciare l’iniziativa e invitare i cittadini a contribuire al verde pubblico donando un albero a loro scelta. Lo scorso mese è partita la messa a dimora dei 700 alberi che i cittadini hanno donato per il progetto ‘Dona un albero ’.

Alberi in attesa di messa a dimora a Firenze

Ad ogni albero donato si può abbinare una dedica personale per un parente, un amico, una persona cara. La targhetta che verrà apposta sull’albero donato conterrà il nome del destinatario, della dedica e un QRcode dal quale sarà possibile leggere il messaggio.

Nell’arco di pochi mesi i fiorentini hanno donato per un importo complessivo di 100mila euro. Le specie più scelte sono state l’acero con il 35%, il ciliegio con il 22%, la quercia con il 10% e il tiglio con l’8% delle donazioni. La donazione di un albero, che costa 150 euro, sostiene le spese di acquisto della pianta e dei materiali di consumo necessari per la messa a dimora, mentre il Comune si fa carico delle spese di posa, manutenzione ed eventuale sostituzione in caso di non attecchimento.

Migliorare l’ambiente in cui viviamo e la qualità dell’aria che respiriamo assume sempre maggiore significato, specie in un momento di grande difficoltà come quello che stiamo attraversando – ha detto l’assessore Del Re -.  Nel leggere i messaggi dei cittadini, ci ha fatto infine piacere scoprire una pressoché assoluta parità di genere dei donanti e dei destinatari delle dediche: il messaggio arrivato è che l’ambiente appartiene a tutti”

Naturalmente l’iniziativa prosegue e non è l’unica che è stata presa di questi tempi. Altri assessori “illuminati” hanno fatto propria l’idea e in questo modo compensano le emissioni di CO2 e l’inquinamento attraverso la crescita di nuovi alberi.

Nella  zona di Milano e precisamente a Parco Nord è partita da tempo l’iniziativa Dona un albero a chi ami – PARCO NORD MILANO .  Per maggiori informazioni: scrivi a [email protected]  

C’è la possibilità di donare un frassino o un tiglio, una farnia o una rovere anche al Bosco dei ricordi nel Parco delle Groane adiacente alla settecentesca Villa Arconati a Bollate. Per informazioni: Dov’è il bosco – Bosco dei Ricordi 

A Torino da due anni si può regalare un albero alla propria città:  Regala un albero alla tua città. F.A.Q. – Città di Torino – Verde Pubblico (comune.torino.it)

Ma anche a Terni versando un importo minimo di € 50 si potrà partecipare al progetto: Dona un albero | Progetto “Terni Verde 2018-2023” (comune.terni.it)

Con soli 20 € si può partecipare all’iniziativa di Legambiente Adotta un albero nei comuni di Novara, Trecate e Oleggio 

A Lucca il comune ha deciso che per ogni neonato sarà piantato un albero con dedica.

Non ci resta che augurarci che siano in tanti a fare propria questa iniziativa anche nella loro città.