Donne, che storia! Mary Wollstonecraft

  •  
  •  
  •  
di Eleonora Duranti

La luce che entra dalla finestra ha del sublime.

Buffo, perché… Non sono mai riuscita ad avere un’opinione ferma e precisa del Sublime.

Cosa si intende con “Sublime”? Cos’è? E qual è il suo rapporto con il Bello?

Una volta, ho paragonato il Sublime alla sterilità mentre il Bello alla fecondità…

Ora, però, non sono più così sicura.

A dire la verità, non sono più sicura di niente…

La febbre mi sta divorando e la testa potrebbe esplodermi da un momento all’altro.

E’ stato un parto difficile; con Fanny, non ero stata così male… E la faccia della levatrice, all’epoca, non era tanto cupa. È rintanata lì, nell’angolo più in ombra, e tiene gli occhi bassi, fissi sul pavimento.

Fosse almeno un bel pavimento!

Per la maggior parte, le piastrelle sono scheggiate, tutte ricoperte di polvere e dei peli di Frou Frou.

Riderei, se ne avessi la forza… Ma ho l’impressione che decine di lame taglienti mi stiano trafiggendo le carni.

E poi ho caldo…

Maledettamente caldo!

Forse sto delirando… Proprio come mio padre, dopo aver dato troppo di gomito. Non l’ho mai perdonato per averci costretto a trasferirci a Londra, nello squallido sobborgo di Walworth…

Lo Yorkshire mi piaceva così tanto! E c’era Jane…

Jane Arden, la mia cara amica del cuore…

È stata una fortuna, aver incontrato Fanny, a Walworth…

Fanny Blood è stata la mia spalla, il mio braccio destro, la mia anima gemella… Non a caso ho chiamato la mia primogenita come lei.

Grazie a Fanny Blood, ho capito l’importanza dell’essere donna.

Non soltanto moglie e madre, ma donna.

Una donna non è una serva ubbidiente né una giumenta da riproduzione… Una donna è di più! E ne sarebbe consapevole, se ricevesse un’educazione completa e adeguata, alla pari di quella degli uomini.

Gli uomini saranno anche più forti, più virili, tuttavia noi donne, per quanto più delicate e sensibili, possiamo offrire il nostro contributo, possiamo rivelarci egualmente utili per il bene della società! Possiamo essere “compagne”, non semplicemente “spose”, e possiamo contare qualcosa!

Fino a quando saranno gli uomini a decidere della nostra istruzione, continueremo a venire etichettate come gli “angeli del focolare” e considerate menti inferiori, buone solo per la casa e la famiglia.

Gilbert, infatti, mi riteneva un oggetto… Una bambola da afferrare e gettare via a proprio gradimento, a seconda dell’umore e dell’esito delle sue noiose partite di whist… Una bambola da tradire persino!

A causa sua, l’anno passato mi sono buttata nel Tamigi. Un salto e giù, nell’acqua fetida, ad annegare la mia depressione…

William mi ha salvata. Non avremmo dovuto sposarci, è vero, eppure non avrei potuto scegliere padre migliore per la creatura che ho appena messo al mondo.

Nessuno, del “Johnson’s Circle”, avrebbe scommesso su di noi e, invece… Soprattutto Paine e Blake ci dovrebbero delle scuse!

Brr… Che freddo…

Mi sembra di stare in una ghiacciaia!

Eppure sto sudando come una vacca in calore…

Ho paura che la Morte arriverà presto a prendermi. Non me la farà scampare, a questo giro…

Non gliene voglio, solo che…

Mi rattrista non avere abbastanza tempo per insegnare alla piccola l’importanza di una donna. Vorrei già inculcarle nella testolina che è unica… Che è speciale… E che può fare la differenza.

Io mi illudo di averla fatta…

L’Inghilterra, anzi l’Europa, ha bisogno di riforme, di ampie vedute, di progresso!

Ma, finché ascolterà solamente la voce degli uomini e ignorerà la nostra, la nostra voce di donne, si dovrà accontentare delle briciole.