Anniversario della morte di Hannah Arendt

  •  
  •  
  •  

Hannah ArendtIl 4 dicembre 1975 morì Hannah Arendt. E’ stata una delle più acute e fini pensatrici del secolo scorso. Nata nel 1906 in Germania, ebrea, filosofa e allieva di Heidegger, scappò ai tempi della persecuzione  contro gli ebrei per  rifugiarsi negli Stati Uniti. Numerosi i suoi libri: Le origini del Totalitarismo, Sulla Rivoluzione, Vita Activa. Riuscì, con i suoi studi e le sue ricerche, a proporre una spiegazione convincente sulla genesi delle dittature sia nazista sia  comunista; si è spesso interrogata sul perché l’ideologia marxista, che desiderava creare giustizia e pace sulla terra, in realtà si è rivelata una delle forme più oppressive e sanguinose della storia umana. Di indiscutibile bellezza “La banalità del male”, una raccolta di scritti e riflessioni pubblicate sul New Yorker in occasione del processo del secolo a uno degli artefici dell’olocausto, il nazista Adolf Eichmann.  Era stato il Mossad, il servizio segreto israeliano,  a rapire nel 1960 Eichmann in Argentina e trasferirlo in Israele dove fu processato. Il 31 dicembre 1961 il gerarca nazista  sarà  condannato a morte, l’esecuzione è avvenuta il 31 maggio del ’62.   Come inviata al processo Eichmann, Hannah Arendt si convinse che il male si diffonde in modo  banale e a volte si presenta come una necessità in grado di ribaltare la scala dei valori e di tramutare orribili pratiche  “in ordinarie attività legali”.

untitledMa come è stato possibile che un’intera popolazione, quella tedesca,  sia stata sedotta? Come mai la coscienza non si è ribellata di fronte a quella catastrofe umanitaria?  Tutto cominciò con  la “propaganda  antisemita”  fondata su “false verità”, formidabili slogan che trovarono consenso e radice nell’antisemitismo dilagante in Europa e nel mondo. Sono le parole, i linguaggi a fomentare l’odio, ad esaltare il  razzismo, sostiene la Arendt,  a preparare alla violenza, a creare il clima culturale che conduce alla guerra. Il razzismo pare giungere “in soccorso” agli uomini quando questi si sentono minacciati da qualcosa, soprattutto dalla diversità. Nella parole e nei toni violenti ed aggressivi,  le idee malsane e razziste trovano una logica seducente, sino a ribaltare la scala dei valori  e sostituire il bene con il male.  La  Arendt sembra voler suggerire che il male riesce a diffondersi in modo semplice,  banale, sospinto dalla certezza del “così fan tutti”.

imagesLa Arendt  è stata studiosa della Politica che lei stessa definisce  “luogo del linguaggio”, della parola, del logos, ambito  in cui si esaltano  vizi e virtù dell’umanità. Secondo Hannah Arendt il pregiudizio è alla base della formazione del consenso. Il cittadino nelle sue scelte politiche è trascinato dall’emotività. Il leader è amato, osannato, al di là della ragione, al di sopra dell’evidenza, indipendentemente dai suoi misfatti. Solo il tracollo dei regimi sconfigge il tiranno togliendolo dalla scena della storia.

Fabrizio Annaro

Lascia un commento