Il giro del mondo in 80 orti

  •  
  •  
  •  

verdura-frescaÈ ora di piantarla. Almeno così la vedono quattro associazioni dell’operoso territorio brianzolo che – in tempi di Expo – hanno dato vita al «Giro del mondo in 80 orti».

L’idea è mettere a frutto pezzi di terra dismessi per la coltivazione di pomodori e zucchine e insieme di coinvolgere i cittadini stranieri della zona (ormai diventati il 10% della popolazione locale). In primis l’autoproduzione avverrà nelle scuole: gli alunni stranieri importeranno nel giardino scolastico le particolarità del proprio modello nazionale di orto.

Ma la proposta è piaciuta anche a commercianti e cittadini privati che per il progetto hanno chiesto la collaborazione di dipendenti o vicini di cultura diversa. orto

Ad Agrate Brianza è già nato un orto marocchino che coltiva il coriandolo, ma anche uno thailandese e uno birmano. In un’osteria monzese invece si sperimenterà pakistano; mentre con l’aiuto di un ragazzo cubano alcuni anziani brianzoli doc di Muggiò semineranno nuove possibilità.

Ilaria Beretta

www.suppost.it

 

One thought on “Il giro del mondo in 80 orti

Lascia un commento