A ricordo di Lea Garofalo

IMG_0532_web

Posto il monumento dedicato a Lea Garofalo, la donna che ha sfidato l’ndrangheta e per questo ha pagato con la vita. La cerimonia si è svolta domenica 24 presso il cimitero di san Fruttuoso, quartiere di Monza.  Lea Garofalo era stata uccisa nel 2009, il 24 novembre,  ma solo recentemente è stato ritrovato il corpo, proprio nei pressi del cimitero di san Fruttuoso. Presente il Sindaco  Roberto Scanagatti, che ha ringraziato i presenti ed in particolare l’associazione Libera e quella culturale  di san Fruttuoso, promotrici dell’iniziativa. Ha parlato anche   l’avvocato Enza Randi, attuale IMG_0534_webdifensore di Denise, la figlia di Lea, che vive protetta dalla polizia in quanto  testimone  chiave del processo  che vede il padre accusato di essere l’autore del delitto.  Randi ha raccontato le ultime fasi della vita di Lea, il suo coraggio, la sua forza, la sua semplicità. Un martirio annunciato a cui non si è sottratta. Infine lo scultore Ernesto Galimberti, autore della porta del dolore, ha illustrato  il significato dell’opera.sindaco Roberto Scanagatti

Una mattinata commovente, ricca di riflessioni, un invito a difendere la legalità con coraggio e determinazione. Il sapere, la conoscenza – ha concluso Valerio D’ Ippolito di Libera-  sono le armi più forti nella battaglia contro le mafie e l’illegalità.

IMG_0532_web
La porta del dolore, scultura di Ernesto Galimberti

Lascia un commento