Le parole perse

Il 21 settembre il Teatro Binario 7, Sala Chaplin, ore 21.00,  ospiterà lo spettacolo teatrale  “Le parole perse”. La storia è ambientata in una cittadina di provincia italiana, dove la quotidianità sofferente di una coppia in crisi viene sconvolta dall’arrivo di un’anziana signora che, pur nella difficoltà di trovare le parole e il filo sottile della memoria, porterà la coppia a sciogliere i nodi della propria relazione e a tornare a comunicare.

Lo spettacolo, con la regia di Giovanna Belloni, è prodotto da Costruire APS in collaborazione con la Cooperativa La Meridiana. Tutto il ricavato sarà devoluto al Paese Ritrovato, per sostenere le attività a favore delle persone con demenza.

Si usa dire: “memoria da elefante”. Al di là del mito popolare della grande memoria dell’elefante, vi sono prove scientifiche che confermano la sua capacità di conservare i ricordi per molto tempo. Uno studio sugli elefanti ha infatti dimostrato come l’esperienza vissuta da una delle elefantesse del branco, tra le più anziane, venga presa ad esempio dagli esemplari più giovani. Questa saggezza, portata dalle anziane, è un metodo efficace di difesa del branco. Inoltre, durante questo studio, è emerso anche che i branchi con le femmine aventi una maggiore esperienza, e quindi sagge, riuscivano ad avere più cuccioli.

Ottobre 2018 in una piccola villa di una città di provincia italiana la quotidianità sofferente di una coppia in crisi viene sconvolta dall’arrivo di una anziana signora che, pur nella difficoltà di trovare le parole e il filo sottile della propria memoria, li porterà a sciogliere i nodi della loro relazione e a tornare a comunicare.

Sempre mercoledì 21 settembre, La Meridiana sarà in piazza san Pietro Martire a Monza per informare i cittadini su come difendersi dalla malattia del secolo: l’Alzheimer