Riforma della sanità regionale: manca la salute mentale

  •  
  •  
  •  

colmegna3_6--150x150Nella riforma del sistema socio-sanitario, attualmente in discussione in Regione Lombardia, manca un capitolo fondamentale: quello che riguarda la salute mentale. È quanto denunciano associazioni, operatori, pazienti e familiari aderenti alla Campagna per la salute mentale.

“Nella proposta di riforma che verrà presto discussa dal Consiglio Regionale il tema della salute mentale viene sostanzialmente ignorato: è una mancanza inaccettabile” ha dichiarato don Virginio Colmegna, presidente della Campagna per la salute mentale e della Fondazione Casa della carità. “Dopo anni di immobilismo, sarebbe arrivato il momento di promuovere un ampio e serio dibattito sull’impostazione culturale che si vuole scegliere e sulle scelte organizzative che ne conseguono. Serve un forte cambiamento: sostegno, prossimità, riabilitazione, reinserimento sociale sono parole d’ordine dalle quali non è possibile prescindere, se davvero si vuole concretizzare una riforma che abbia un impatto positivo sulle vite di chi ha dei disturbi psichici”.

All’incontro, oltre a don Virginio Colmegna, hanno partecipato la senatrice Emilia Grazia De Biasi, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, il deputato Ezio Casati, membro della Commissione Affari sociali della Camera e Valerio Canzian, presidente U.R.A.Sa.M. Lombardia, si confronteranno con i presenti e con le autorità. Numerosi e variegati gli interventi nel corso della mattinata, dagli utenti ai loro famigliari, dagli psichiatri agli operatori e ad alcuni consiglieri regionali.

Soddisfatte per la grande partecipazione all’incontro, che ha visto oltre duecento persone presenti in sala, le realtà aderenti alla Campagna sottolineano, però, l’assenza al convegno di assessori e consiglieri regionali della maggioranza. A loro, così come a tutto il Consiglio regionale e al Governatore Roberto Maroni, è rivolto un documento che raccoglie dieci punti, dieci richieste precise in tema di salute mentale, tra cui spiccano quella di collocare i Dipartimenti di salute mentale (Dsm) sul territorio e non più all’interno delle aziende ospedaliere, quella di creare in Regione un ufficio specificatamente dedicato al tema della salute mentale e un ampliamento degli orari dei Centri Psico Sociali (Cps).

Un ulteriore necessità, particolarmente sottolineata nel corso dell’incontro, è l’istituzione di una Consulta per la salute mentale (Steering committee) che preveda la rappresentanza di soggetti istituzionali, operatori e rappresentanti delle associazioni ed enti portatori di interesse, con compiti di coordinamento, monitoraggio e verifica degli esiti dell’attività dell’area salute mentale. “Se non verrà istituita, – ha annunciato don Virginio Colmegna – a partire da settembre, ne faremo una noi stessi, dal basso. Con tante sedie, non certo poltrone, ci ritroveremo ogni 15 del mese sotto Palazzo Lombardia”.

Ufficio stampa Casa della carità

Lascia un commento