Servizio Civile: cosa, dove, come e perché

servcivServizio Civile: un modo per rendersi utili, un modo per contribuire allo sviluppo sociale, culturale ed economico della propria realtà territoriale, un modo per aiutare i più deboli,  un modo per sentirsi coinvolti ed appagati, la scelta di un’esperienza significativa  anche se di breve durata. Questo in poche parole il SCV, Servizio Civile Volontario.

Naturalmente ci sono requisiti da rispettare primo fra tutti quello di essere giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni. Si può aderire al SCV del proprio territorio, attraverso una richiesta presso gli uffici competenti degli Spazi Regione presenti in ogni territorio provinciale,  gli Sportelli Informagiovani o telefonicamente allo Sportello regionale del Servizio Civile.
L’impegno richiesto può variare in base ai progetti: la base è di 30 ore settimanali, ma un progetto può avere anche un monte ore annuo di 1400 ore, pari a 175 giorni lavorativi.
Ci sono anche 20  giorni di permesso e  15 giorni di malattia rimborsati.

L’obiettivo è quello di far crescere la partecipazione attiva dei giovani, di coinvolgerli in progetti di impegno sociale e al tempo stesso andare incontro alle esigenze di tante realtà ed associazioni del territorio. Per i giovani è un’esperienza di vita e di lavoro che li fa sentire parte attiva della comunità, un’esperienza che li forma, li arricchisce e si capitalizza come attività lavorativa, un’opportunità di lavoro che assicura una piccola autonomia economica.
Per informazioni più dettagliate il riferimento sul web è: www.serviziocivile.it/, e per la Lombardia in particolare www.famiglia.regione.lombardia.it/ .

Lascia un commento